Olimpiadi delle Neuroscienze - 400 studenti in gara in Piemonte

Condividi su
15/01/2015
Olimpiadi delle Neuroscienze - 400 studenti in gara in Piemonte

Ecco le 18 scuole in gara in Piemonte:

Liceo Classico "G. Govone" - Alba (CN)
Liceo Scientifico Antonelli - Novara 
Liceo Scientifico "Galileo Galilei" - Alessandria
Istituto Professionale "B. Lanino" - Vercelli
IIS "Q. Sella" - Biella
Liceo Artistico Musicale e Coreutico Statale "Felice Casorati" - Novara
Liceo Classico Scientifico "I.Newton" - Chivasso (TO)
Convitto Nazionale Statale Umberto I - Torino
L.S.S. Copernico Torino - Torino 
Liceo Bodoni - Saluzzo (CN) 
Istituto di Istruzione Superiore B. Pascal - Romentino (NO) 
Liceo Maria Ausiliatrice - Torino 
IIS Ettore Majorana - Torino 
Istituto Maria Immacolata - Pinerolo (TO) 
Liceo Scientifico Statale L. Cocito - Alba (CN) 
scientifico "Carlo Alberto" - Novara 
Liceo Scientifico Galileo Galilei Borgomanero (NO) 
I.I.S Gobetti Marchesini Casale - Torino

E le foto che abbiamo ricevuto dalle scuole, con gli studenti intenti a rispondere ai test per la selezione locale.

Le Olimpiadi delle Neuroscienze

Intelligenza, memoria, emozioni. Ma anche stress, invecchiamento, sonno e malattie del sistema nervoso.
Questi gli argomenti su cui sono chiamati a cimentarsi gli studenti delle scuole medie superiori, per le Olimpiadi delle Neuroscienze.

Le Olimpiadi, arrivate alla sesta edizione, costituiscono le fasi locale e nazionale della International Brain Bee (IBB): la competizione internazionale che mette alla prova i ragazzi di età compresa fra i 13 e i 19 anni sull'affascinante mondo delle Neuroscienze.

Obiettivo principale della competizione, promossa dalla Società Italiana di Neuroscienze e ospitata per la prima volta dall'Università di Brescia, è accrescere fra i giovani l'interesse per la biologia in generale e per lo studio della struttura e del funzionamento del cervello umano, l'organo più complesso del nostro corpo.

Il vincitore, che rappresenterà l'Italia, riceverà una borsa di studio per partecipare alla competizione internazionale che si terrà ad agosto, a Cairns in Australia.

La selezione piemontese è organizzata dal nostro direttore il Prof. Alessandro Vercelli.

Lettera di invito per i docenti - comunicato stampa

Finalisti e vincitori delle Olimpiadi 2014
Il Piemonte è il vincitore in carica dell'edizione 2014, grazie ad Anna Pan di Novara che ha vinto la finale di Trento, classificandosi poi sesta alla finale mondiale di Washington, prima tra gli studenti europei.
L'edizione 2015 delle Olimpiadi delle Neuroscienze si articola in 3 fasi:

1. FASE LOCALE - 21 febbraio 2015: si svolge nelle singole scuole. Ogni scuola deve individuare i 5
migliori studenti.

2. FASE REGIONALE - 21 marzo 2015: : in Piemonte si svolgerà presso il Dipartimento di Anatomia dell'Università di Torino, in Corso Massimo d'Azeglio 52 (Torino).
In questa fase vengono selezionati i 3 migliori studenti per ogni regione.

3. FASE NAZIONALE - 18 aprile 2015: si svolgerà a Brescia, dove, tra i 3 migliori studenti di ogni competizione regionale, verrà individuato il vincitore nazionale.
Come partecipare
Le scuole devono iscriversi entro il 10 febbraio compilando l'apposito form di registrazione.

Cosa studiare
Se la scuola decide di partecipare alla competizione, gli studenti possono prepararsi con il materiale didattico disponibile sul sito (al fondo della pagina).

I finalisti 2014 per il Piemonte, da sinistra: 
Simone Buccolo (Liceo Classico Govone di Alba)
Anna Pan (Liceo Scientifico Antonelli di Novara) vincitrice della finale nazionale 
Elena Savoini - Liceo Scientifico Antonelli di Novara

Vincitori_Olimpiadi_3

Informazioni
Per richiesta di chiarimenti, o per definire al meglio le modalità di organizzazione della fase locale della competizione, gli insegnanti possono contattare:
Barbara Magnani
NEUROSCIENCE INSTITUTE CAVALIERI OTTOLENGHI
cell. 339 3096245 - email: barbara.magnani@unito.it

Ricerca

Lesioni traumatiche: una review per chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA

Chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA può permettere di modularli a fini terapeutici, ad esempio per stimolare la ricrescita assonale o per modulare la neuroinfiammazione nelle lesioni traumatiche. La review - a firma di Matilde Ghibaudi, Marina Boido e del nostro direttore Alessandro Vercelli - è scaricabile gratuitamente fino a dicembre.

6 novembre 2017