Fondazione

Condividi su

Sostenere progetti di ricerca e di sviluppo strutturale e infrastrutturale nelle Neuroscienze. Questo l'impegno della Fondazione Cavalieri Ottolenghi, ente senza scopi di lucro riconosciuto dalla Regione Piemonte. 

La Fondazione deriva dal lascito all’Università di Torino di Annetta Cavalieri Ottolenghi e, come da Statuto, ha lo scopo di ”approfondire le attuali cognizioni sull’interdipendenza fra stato fisico-chimico del corpo umano e manifestazioni della psiche: cioè sulle cause e la cura dell’insanità mentale”.

L’Istituto di Neuroscienze della Fondazione Cavalieri Ottolenghi (NICO) ha l’obiettivo di eseguire ricerca ad alto livello nel campo delle neuroscienze orientata verso la prevenzione, la diagnostica e la cura dei disordini neurologici. In linea con questo principio, la sua attività di ricerca è focalizzata sui meccanismi che controllano la normale maturazione neuronale e sui difetti che intervengono nelle sindromi da ritardo mentale.

La sede amministrativa e i laboratori di ricerca della Fondazione sono stati ospitati per anni dal Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche dell'Università di Torino, presso il Polo della Facoltà di Medicina e Chirurgia.

Dal 2010 gli uffici e i laboratori del NICO sono ubicati nel nuovo edificio della Fondazione, presso l'Azienda Ospedaliero - Univesitaria San Luigi Gonzaga, a Orbassano, in provincia di Torino.

Ricerca

Interferenti endocrini. Il Parlamento europeo impegna la Commissione a emanare norme più restrittive

Buone notizie da Bruxelles. Il Parlamento europeo ha approvato a larga maggioranza una risoluzione che impegna la Commissione (vecchia e nuova) a emanare entro giugno 2020 una normativa più restrittiva che disciplini cosmetici, giocattoli e imballaggi alimentari e che - finalmente - applichi agli EDCs le stesse cautele usate per i composti classificati come sospetti cangerogeni. Una tesi a lungo sostenuta dalla Endrocrine Society e fortemente osteggiata dai rappresentanti della industria chimica.

30 aprile 2019