Primi in Europa alle Olimpiadi delle Neuroscienze 2014

Condividi su
13/08/2014
Primi in Europa alle Olimpiadi delle Neuroscienze 2014

Prima classificata tra gli studenti europei e sesta nel mondo: Anna Pan (classe 1997), a settembre IV anno al liceo scientifico Antonelli di Novara, ha rappresentato l'Italia all'International Brain Bee, la finale internazionale delle Olimpiadi delle Neuroscienze che si è tenuta nei giorni scorsi a Washington.

"Ogni anno è una grande soddisfazione per noi ricercatori vedere l'impegno e l'entusiasmo con cui i ragazzi e loro insegnanti affrontano le prove su un argomento difficile come il funzionamento del cervello – ha commentato il nostro direttore Alessandro Vercelli – La vittoria di Anna è un bellissimo riconoscimento per le neuroscienze torinesi, per noi la conferma di quanto sia importante impegnarci in attività di tipo divulgativo dedicate agli studenti, sia per avvicinare i ragazzi alla scienza, sia per comunicare con serietà e chiarezza un tema estremamente complesso come le neuroscienze".

Leggi il comunicato e l'intervista su La Stampa di Novara: "A 17 anni la più brava d'Europa in Neuroscienze"
Ann Pan (al centro) con gli altri due vincitori della finale piemontese, Simone Buccolo e Elena Savoini

Vincitori_Olimpiadi_3

Segui le Olimpiadi anche sulla nostra pagina Facebook

Agenda

27 aprile 2018

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Hervé Barmasse, l'alpinista "figlio del Cervino": perché sostenere i ricercatori del NICO

«Garantire un futuro migliore a chi soffre di malattie che conosciamo bene, come Alzheimer, Sclerosi Multipla e SMA». Il nostro amico Hervé Barmasse spiega perché è importante sostenere il lavoro dei nostri 70 ricercatori. Come? Con una piccola donazione o con il tuo 5xmille. Guarda il video!

11 aprile 2018