Olimpiadi delle Neuroscienze 2015: vince Luca Inguaggiato di Novara

Condividi su
18/04/2015
Olimpiadi delle Neuroscienze 2015: vince Luca Inguaggiato di Novara

C'è di nuovo il Liceo Scientifico Antonelli di Novara sul gradino più alto del podio delle Olimpiadi delle Neuroscienze: Luca Inguaggiato, 3°anno al liceo novarese, è risultato il migliore tra i 54 finalisti (3 per ognuna delle regioni partecipanti) che sabato 18 aprile si sono sfidati per la finale nazionale di Brescia.

In palio una borsa di studio per volare a Cairns in Australia e rappresentare l'Italia alla International Brain Bee, la competizione internazionale che si svolgerà dal 20 al 26 agosto.

Si sono classificati inoltre:
2° - 3° - 4° a pari merito: Alessandra Ventre (Veneto), Simone Gasparini (Friuli Venezia Giulia) e Carlo Prosperini (Piemonte)
5° - 6° a pari merito: Elena Savoini (Piemonte) e Matteo Landi (Friuli Venezia Giulia)

guarda la classifica generale

Novara e il Piemonte i migliori in neuroscienze per il secondo anno consecutivo. E fortissimi in particolare gli studenti allenati dalla prof.ssa Rita Trifoglio del Liceo Antonelli: proviene infatti dallo stesso liceo la giovanissima Anna Pan, campionessa nazionale 2104 e sesta alla finale internazionale di Washington.

Finalisti_Olimpiadi_Brescia

La gara internazionale, promossa dalla DANA Foundation e dalle società di neuroscienze di tutto il mondo per suscitare l'interesse dei giovani allo studio della neurobiologia, è stata ospitata per la prima volta nella sua fase finale dall'Università degli Studi di Brescia. La prima edizione italiana si è svolta nel 2010 con la partecipazione di 5 regioni: le edizioni successive hanno registrato un successo sempre maggiore, fino a coinvolgere quest'anno 144 scuole in tutte le regioni per un totale di 3800 studenti.

I ragazzi si sono cimentatati in prove a squadre e individuali: cruciverba, tavole anatomiche, quiz e prove di intuito. Novità di quest'anno - per introdurre alle sfide e all'atmosfera della competizione internazionale - gli studenti hanno affrontato anche prove in inglese, cimentandosi a ipotizzare diagnosi di malattie neurologiche sulla base di filmati accompagnati da brevi presentazioni di casi clinici.

Grandissima la soddisfazione del nostro direttore, il prof. Alessandro Vercelli "Siamo davvero orgogliosi di questi ragazzi, per l'impegno e l'entusiasmo con cui affrontano queste gare. Il miglior risultato per noi è trasmettere come la ricerca scientifica sia impegno e dedizione, ma soprattutto passione e curiosità".

Ricerca

Interferenti endocrini. Il Parlamento europeo impegna la Commissione a emanare norme più restrittive

Buone notizie da Bruxelles. Il Parlamento europeo ha approvato a larga maggioranza una risoluzione che impegna la Commissione (vecchia e nuova) a emanare entro giugno 2020 una normativa più restrittiva che disciplini cosmetici, giocattoli e imballaggi alimentari e che - finalmente - applichi agli EDCs le stesse cautele usate per i composti classificati come sospetti cangerogeni. Una tesi a lungo sostenuta dalla Endrocrine Society e fortemente osteggiata dai rappresentanti della industria chimica.

30 aprile 2019