Anna Pan di Novara ha vinto le Olimpiadi delle Neuroscienze

Condividi su
12/04/2014
Anna Pan di Novara ha vinto le Olimpiadi delle Neuroscienze

La studentessa Anna Pan (classe 1997), del liceo scientifico "A. Antonelli" di Novara ha vinto la selezione italiana per le Olimpiadi delle Neuroscienze che si è tenuta il 12 aprile all'Università di Trento, coordinatore nazionale dell'edizione 2014.

A lei sarà dunque affidato il compito di rappresentare l'Italia all'International Brain Bee (IBB), competizione internazionale che mette alla prova studenti delle scuole medie superiori sul grado di conoscenza nel campo delle neuroscienze, che si terrà il prossimo agosto a Washington in occasione dell'American Psychological Association Convention.

Anna Pan ha ottenuto nella valutazione 87 punti su 90 con un lieve vantaggio sugli altri primi cinque classificati. La finale per conquistare l'accesso alla sfida mondiale ha visto in gara 54 ragazzi: tre studenti vincitori delle selezioni localiper ognuna delle 17 regioni italiane più l'Istria.

In una prova a squadre hanno dovuto confrontarsi risolvendo un cruciverba e, in seguito, ognuno ha dovuto dimostrare le proprie conoscenze sull'anatomia del cervello (completando cinque tavole anatomiche mute che sono state fornite a ciascun partecipante), dando prova delle proprie capacità nel diagnosticare malattie che riguardano il cervello, dal Morbo di Parkinson all'autismo.

La prima fase si è conclusa con una serie di domande a scelta multipla. Al termine di queste prove, i migliori 5 studenti si sono contesi la vittoria finale rispondendo a domande dirette.

Nel pomeriggio, tutti gli studenti sono poi stati accompagnati al MUSE, il Museo delle Scienze di Trento, dove hanno potuto seguire il percorso "Storia ed evoluzione della vita" e partecipare in prima persona ai laboratori didattici del museo, sotto la supervisione di docenti del Centro di Biologia Integrata (CIBIO) e del Centro Interdipartimentale Mente e Cervello (CIMeC) dell'Università di Trento.

Foto di Roberto Bernardinatti per Università di Trento

Ricerca

Lesioni traumatiche: una review per chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA

Chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA può permettere di modularli a fini terapeutici, ad esempio per stimolare la ricrescita assonale o per modulare la neuroinfiammazione nelle lesioni traumatiche. La review - a firma di Matilde Ghibaudi, Marina Boido e del nostro direttore Alessandro Vercelli - è scaricabile gratuitamente fino a dicembre.

6 novembre 2017