The Cerebellum, un numero in memoria di Ferdinando Rossi

Condividi su
01/10/2014
The Cerebellum, un numero in memoria di Ferdinando Rossi

The Cerebellum, un numero in memoria di Ferdinando Rossi

Exogenous Sonic Hedgehog Modulates the Pool of GABAergic Interneurons During Cerebellar Development
A. De Luca1-2, E. Parmigiani1-2, G. Tosatto1-2, S. Martire2, M. Hoshino3, A. Buffo1-2, K. Leto1-2 & F. Rossi1-2

copertina_cerebellum

In questo lavoro abbiamo studiato Sonic Hedgehog (Shh), un mitogeno noto per le funzioni che svolge durante il normale sviluppo del SNC. Nel cervelletto abbiamo trovato che la somministrazione esogena di tale molecola è in grado di amplificare il numero di cellule destinate a diventare interneuroni inibitori.

I nostri dati enfatizzano il ruolo di Shh durante lo sviluppo del cervelletto, offrendo prospettive nuove circa la possibilità di manipolare i normali processi ontogenetici attraverso la somministrazione di questa sostanza.

Abbiamo cominciato questo studio con Ferdinando Rossi. Nell'ottobre 2013 lui stesso decise di inviare il manoscritto per un'edizione speciale sullo sviluppo del cervelletto che sarebbe stata pubblicata sulla rivista The Cerebellum.

Purtroppo non gli è stato possibile assisterci fino al termine di questo progetto e ora questa edizione speciale è stata interamente dedicata alla sua memoria.

 

1 Department of Neuroscience Rita Levi Montalcini, University of Turin, via Cherasco 15, 10026, Turin, Italy
2 Neuroscience Institute Cavalieri-Ottolenghi, University of Turin, Regione Gonzole 10, 10043, Orbassano, Turin, Italy
 3 Department of Biochemistry and Cellular Biology, National Institute of Neuroscience, NCNP, 4-1-1 Ogawa-Higashi, Kodaira, Tokyo, 187-8502, Japan

Agenda

12 gennaio 2018

NICO Progress Report

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

Ricerca

Neuroni "immaturi": ecco la riserva che può prevenire l'invecchiamento cerebrale

Il nostro gruppo di ricerca guidato da Luca Bonfanti ha individuato una riserva di neuroni “immaturi” in zone inedite del cervello: si aprono nuovi scenari per compensare la scarsa capacità del cervello di rigenerarsi. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Neuroscience di dicembre.

10 gennaio 2018