The Cerebellum, K. Leto

Condividi su
06/10/2015
The Cerebellum, K. Leto

The Cerebellum, October 2015

Consensus paper: cerebellar development
un tributo a Ferdinando Rossi

Ketty Leto1,2*, Marife Arancillo3, Esther B.E. Becker4, Annalisa Buffo1,2, Chin Chiang5, Baojin Ding6, William B. Dobyns7,8, Isabelle Dusart9,10, Parthiv Haldipur7, Mary E. Hatten11, Mikio Hoshino12, Alexandra L. Joyner13, Masanobu Kano14, Daniel L. Kilpatrick6, Noriyuki Koibuchi15, Silvia Marino16, Salvador Martinez17, Kathleen J. Millen7, Thomas O. Millner16, Takai Miyata18, Elena Parmigiani1,2, Karl Schilling19, Gabriella Sekerková20, Roy V. Sillitoe3, Constantino Sotelo21, Naofumi Uesaka14, Annika Wefers22, Richard JT Wingate23, Richard Hawkes24

Una nuova review sullo sviluppo del cervelletto che mette insieme gli ultimi anni di ricerche del settore, disponibile online sulla rivista The Cerebellum.
Un lavoro scritto a più mani dai principali esperti di sviluppo del panorama internazionale che hanno risposto positivamente all'invito di Ketty Leto, ricercatrice del NICO e coordinatrice della rassegna. Invito che fin da subito ha preso la forma di un tributo: ciascun autore infatti è stato chiamato a dare il proprio contributo in ricordo di Ferdinando Rossi, grandissimo neuroscienziato e leader indiscusso nell'ambito dello studio dei meccanismi di sviluppo del cervelletto.

Poco tempo prima della sua improvvisa morte, Ferdinando Rossi aveva iniziato a scrivere un libro dedicato a questi temi. Impresa che - come aveva più volte detto ai suoi collaboratori - gli procurava enorme gioia, poiché continuava a stimolarlo nello studio e nella teorizzazione. Purtroppo la sua opera è rimasta incompiuta e questa pubblicazione cerca di colmare parzialmente il vuoto di quel lavoro.

I 29 autori della review appartengono a 21 laboratori famosi nel mondo per le ricerche sullo sviluppo del cervelletto. A ciascun gruppo è stato affidato il compito di sintetizzare la parte di teorie attinenti alla propria linea di ricerca.

Ne è risultato un lavoro integrato, che spazia dagli aspetti della specificazione molecolare del territorio cerebellare alla sua architettura matura e alle patologie dello sviluppo. Una parte centrale del lavoro è dedicata ai principali neuroni del cervelletto, le cellule di Purkinje e allo stabilirsi delle corrette mappe di proiezione.

ferdi_pagina

Introduzione di C. Sotelo
Il lavoro svolto sullo sviluppo del cervelletto dalla fine del XIX secolo fino agli anni '70 ha fornito informazioni essenziali e significative: tuttavia, è stato puramente descrittivo e ha affrontato solo minimamente i meccanismi coinvolti. Nel corso degli ultimi due decenni, grazie alla rivoluzione tecnologica nel campo della biologia molecolare, la nostra comprensione dello sviluppo del cervelletto è drasticamente cambiata.

Oggi attraversiamo un periodo eccezionale nella nostra comprensione dei meccanismi che sottostanno al complesso sviluppo del cervelletto [...] Ferdinando Rossi, pochi mesi prima della sua morte, ha intrapreso il compito monumentale di scrivere una monografia sui progressi spettacolari raggiunti negli ultimi 20 anni nel comprendere dello sviluppo del cervelletto. Purtroppo Ferdinando morì pochi mesi dopo l'inizio della sua monografia. Questa review, che si basa sul progetto iniziale di Ferdinando, riassume molti di questi progressi ed è dedicato alla sua memoria [...].

1 Department of Neuroscience Rita Levi Montalcini, University of Turin, via Cherasco 15, 10026 Turin, Italy.
2 Neuroscience Institute Cavalieri-Ottolenghi, University of Turin, Regione Gonzole 10, 10043 Orbassano, Turin, Italy.
3 Departments of Pathology & Immunology and Neuroscience, Baylor College of Medicine, Jan and Dan Duncan Neurological Research Institute of Texas Children's Hospital, 1250 Moursund Street, Suite 1325, Houston, Texas 77030, USA
4 Medical Research Council Functional Genomics Unit, Department of Physiology, Anatomy and Genetics, University of Oxford, Oxford OX1 3PT, UK.
5 Department of Cell and Developmental Biology, Vanderbilt University Medical Center, 4114 MRB III, Nashville, TN 37232, USA.
6 Dept. of Microbiology and Physiological Systems and Program in Neuroscience, University of Massachusetts Medical School, 368 Plantation Street, Worcester, MA 01605-2324.
7 Seattle Children's Research Institute, Center for Integrative Brain Research, Seattle, Washington.
8 Department of Pediatrics, Genetics Division, University of Washington, Seattle, Washington.
9 UPMC Université de Paris 06, UMR 7102, 75005 Paris, France.
10 CNRS, UMR 7102, 75005 Paris, France.
11 Laboratory of Developmental Neurobiology, The Rockefeller University, New York, NY USA 10065.
 Department of Biochemistry and Cellular Biology, National Institute of Neuroscience, National Center of Neurology and Psychiatry, 4-1-1 Ogawa-Higashi, Kodaira, Tokyo 187-8502, Japan.
13 Developmental Biology Program, Sloan Kettering Institute, New York, New York 10065.
14 Department of Neurophysiology, Graduate School of Medicine, The University of Tokyo, Tokyo 113-0033, Japan.
 15Department of Integrative Physiology, Gunma University Graduate School of Medicine, 3-39-22 Showa-machi, Maebashi, Gunma 371-8511, Japan.
 16 Blizard Institute, Barts and The London School of Medicine and Dentistry, Queen Mary University of London, 4 Newark Street, London E1 2AT, UK.
17 Dept. Human Anatomy. IMIB-Arrixaca. Univ. Murcia.
18 Department of Anatomy and Cell Biology, Nagoya University Graduate School of Medicine, Japan.
19 Anatomie und Zellbiologie, Anatomisches Institut, Rheinische Friedrich-Wilhelms-Universität, Bonn, Germany.
20 Department of Physiology, Feinberg School of Medicine, Northwestern University, Chicago, IL, 60611.
21 Institut de la Vision, UPMC Université de Paris 06, Paris 75012, France.
22 Center for Neuropathology, Ludwig-Maximilians-University Munich, Germany.
23 MRC Centre for Developmental Neurobiology, King's College London, UK.
24 Department of Cell Biology & Anatomy and Hotchkiss Brain Institute, Cumming School of Medicine, University of Calgary, T2N 4NI, Canada.

Ricerca

Metti Benzina alla Ricerca

Con questo slogan il dottor Lorenzo Fabiani - Associazione Promosport e Tecnica Bertino - ha corso la Cesana-Sestriere, rinomata competizione per macchine d’epoca in programma dal 7 al 9 luglio, portando i colori del NICO.

7 luglio 2017