Grant della Fondazione Veronesi a due ricercatrici del NICO

Condividi su
24/04/2015
Grant della Fondazione Veronesi a due ricercatrici del NICO

Enrica Boda e Michela Guglielmotto sono tra i vincitori delle 179 borse di ricerca annuali assegnate nell'ambito del bando GRANT 2015 promosso dalla Fondazione Veronesi.
Un riconoscimento prestigioso per la ricerca universitaria torinese e per il NICO, dove sono nati 2 dei 24 progetti selezionati nell'ambito delle neuroscienze.

[comunicato stampa]

Enrica Boda (gruppo di ricerca Neurobiologia della plasticità cerebrale, guidato da A Buffo) vincitrice della borsa di studio per il secondo anno consecutivo, svolgerà le sue ricerche presso la University of Cunnecticut di Storrs (USA)
Regolazione della divisione dei progenitori degli oligodendrociti: un approccio per migliorare la riparazione della mielina nel cervello anziano.

Michela Guglielmotto (gruppo di ricerca Sviluppo e patologia del Cervello, guidato da A Vercelli) prosegue invece il suo lavoro presso i laboratori del NICO.
Accumulo di proteina beta-amiloide: il ruolo dell'enzima ubiquitina c-terminal idrolasi L1.

Agenda

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Identificato un nuovo bersaglio per contrastare la SMA

L’inibizione della proteina JNK rallenta la progressione della malattia che colpisce i motoneuroni ed è la prima causa genetica di morte nell’infanzia. Lo dimostra uno studio pubblicato su Frontiers in Molecular Neuroscience dal nostro gruppo di ricerca guidato da Alessandro Vercelli, in collaborazione con l’Istituto Mario Negri di Milano. Chiarire i meccanismi molecolari alla base della SMA può aprire la strada allo sviluppo di nuove terapie.

24 ottobre 2018