Gli effetti degli inquinanti alimentari sull'incidenza di obesità, diabete e altri disordini metabolici

Condividi su
20/06/2015
Gli effetti degli inquinanti alimentari sull'incidenza di obesità, diabete e altri disordini metabolici

Environmental Health, June 2015
Parma Consensus Statement on Metabolic Disruptors

Discutere le possibili relazioni tra gli inquinanti ambientali ad azione endocrina presenti nell'ambiente, e contenuti negli alimenti, nell'eziologia di obesità, diabete e sindrome metabolica. Questo l'obiettivo dell'articolo pubblicato sulla rivista scientifica internazionale Environmental Health, con le conclusioni raggiunte da un gruppo multidisciplinare di ricercatori ed esperti, riunitosi all'Università di Parma nel maggio 2014.
Nel gruppo di relatori nazionali e internazionali, che hanno contribuito alla stesura dell'articolo, il Prof. Giancarlo Panzica del NICO e la Prof.ssa Patrizia Bovolin e la dott.ssa Valentina Pomatto dell'Università di Torino.
Lo scopo di un "Consensus Paper" è provvedere strumenti utili alla comprensione di determinati problemi, in questo caso il ruolo degli inquinanti, inclusi quelli ad azione endocrina e neuroendocrina, che agiscono sul controllo del metabolismo e che sono stati in questa occasione denominati "distruttori metabolici".
L'articolo approfondisce l'analisi dei dati presenti in letteratura che dimostrano relazioni tra presenza di inquinanti alimentari e incidenza di obesità, diabete e altri disordini metabolici, e allo sviluppo di appropriati modelli animali per lo studio degli effetti periferici e sul sistema nervoso centrale. Il concetto di distruttore metabolico potrà fornire quindi un utile strumento per comprendere il ruolo svolto da questi composti nelle varie patologie derivanti da alterazioni del metabolismo.

> scopri di più

flowchart_panzica

Flow chart (GC Panzica)

Ricerca

Lesioni traumatiche: una review per chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA

Chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA può permettere di modularli a fini terapeutici, ad esempio per stimolare la ricrescita assonale o per modulare la neuroinfiammazione nelle lesioni traumatiche. La review - a firma di Matilde Ghibaudi, Marina Boido e del nostro direttore Alessandro Vercelli - è scaricabile gratuitamente fino a dicembre.

6 novembre 2017