Fondazione Veronesi premia due ricercatori del NICO

Condividi su
26/03/2014
Fondazione Veronesi premia due ricercatori del NICO

Grant della Fondazione Veronesi a due ricercatori del NICO

Enrica Boda e Paolo Mele sono tra i vincitori delle 130 borse di ricerca annuali assegnate nell'ambito del bando Grant 2014 promosso dalla Fondazione Veronesi.
Un riconoscimento prestigioso per la ricerca torinese e per noi del NICO che ospitiamo 2 dei 14 progetti selezionati nell'ambito delle neuroscienze.

[Comunicato stampa]

Enrica Boda - Ringiovanire il cervello: le cellule staminali progenitrici per migliorare le funzioni cognitive e le capacità di rigenerazione.

Paolo Mele - Le cure materne migliorano la plasticità del cervello: il ruolo del gene Npy1r nelle reti perineurali.

logo_fond_veronesi

Scopri tutti i progetti vincintori della categoria neuroscienze

La premiazione in Campidoglio a Roma, il 26 marzo, con il Presidente della Fondazione Paolo Veronesi.

Per approfondire:

I precursori neurali che mantengono il cervello giovane e sano (25 novembre 2014)
Intervista a Enrica Boda che, grazie al sostegno di Fondazione Veronesi, studia come si dividono i progenitori di neuroni e oligodendrociti e come sfruttare questa capacità per ringiovanire il cervello e combattere le malattie neurodegenerative.

Agenda

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Identificato un nuovo bersaglio per contrastare la SMA

L’inibizione della proteina JNK rallenta la progressione della malattia che colpisce i motoneuroni ed è la prima causa genetica di morte nell’infanzia. Lo dimostra uno studio pubblicato su Frontiers in Molecular Neuroscience dal nostro gruppo di ricerca guidato da Alessandro Vercelli, in collaborazione con l’Istituto Mario Negri di Milano. Chiarire i meccanismi molecolari alla base della SMA può aprire la strada allo sviluppo di nuove terapie.

24 ottobre 2018