Museo Lombroso: chi lo conosce lo difende

Condividi su
30/09/2015
Museo Lombroso: chi lo conosce lo difende

Chiediamo un aiuto a chi conosce il Museo Lombroso

Una petizione on-line dal titolo "Chiudiamo il Museo Lombroso!" ha già raccolto numerose firme.

È promossa dal Comitato no-Lombroso, che dal 2010 conduce una campagna immotivata e fuorviante contro il Museo, accusato di diffondere messaggi razzisti nei confronti dei Meridionali.

Il Museo Lombroso è un ente universitario, collabora con istituzioni culturali in tutto il mondo, fornisce materiali di ricerca agli studiosi ed è visitato ogni anno da migliaia di persone. La sua importanza è riconosciuta internazionalmente.

Potete aiutare il Museo aderendo alla petizione su Change.org "Non chiudete il Museo Lombroso".
Inoltre, sulla petizione che chiede la chiusura del Museo, al fondo della pagina (prima delle immagini relative ad altre petizioni) potete cliccare sulla scritta in rosso "Riporta come inappropriato" (se volete, potete aggiungere un commento).
Il vostro aiuto sarà prezioso per sottolineare l'importanza del Museo. Vi preghiamo di diffondere il più possibile questo messaggio.

Il Sistema Museale dell'Università di Torino

 

Agenda

26 febbraio 2020

GLIAL CELLS-NEURON CROSSTALK IN CNS HEALTH AND DISEASE

University of Turin, Italy  
The Workshop is aimed at PhD students and young Postdocs with the goal to promote a thorough understanding of the functions of glial cells in health and disease. The program includes lectures on the newest conceptual advancements and methodological approaches in the study of glial cells in synaptic functions, development and CNS diseases.

Deadline for registration: December 23, 2019.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

10 giugno 2019