Il NICO alla Notte dei Ricercatori 2014

Condividi su
26/09/2014
Il NICO alla Notte dei Ricercatori 2014

Perchè la ricerca di base in Neuroscienze
Vi aspettiamo per spiegarvi che cosa studiamo nei nostri laboratori, e perchè è importante nella lotta contro le malattie neurodegenerative.
Ecco alcuni dei temi che affronteremo:

NERVI A PEZZI  Danni e lesioni al sistema nervoso

LA DIFESA CONTRO IL DANNO NEURONALE
Cell Replacement e altre strategia di riparazione

SCLEROSI MULTIPLA  Diagnosi e ricerca

PLASTICITA' Come gli stimoli esterni plasmano il nostro cervello

CELLULE STAMINALI  Il sogno di rifarsi un cervello

notte_2014_banner

Alle 20:30 appuntamento nel cortile del Rettorato con il nostro Federico Luzzati che, dopo il successo con GiovedìScienza, ripropone il suo spettacolo teatrale dedicato ai bambini "C'era una volta un neurone... Storia di un groviglio chiamato cervello"

Il cervello umano è costituito da circa cento miliardi di neuroni, e la cosa incredibile è che non ce ne sono due uguali! Ma come funziona un neurone? Come fanno queste cellule a permetterci di ricordare, di emozionarci, di muoverci e di fare tutto quello che ci salta in mente? 
Per avvicinare i bambini all'intricato "giardino del cervello", Federico ha ideato uno spettacolo fatto di animazioni, illusioni, un po' di teatro e giochi interattivi. La finalità è presentare in modo semplice alcuni dei meccanismi di base del funzionamento del nostro cervello, partendo dal presupposto che tutti quanti ne abbiamo uno!

La necessità della ricerca fondamentale
"La ricerca applicata serve per risolvere problemi, la ricerca di base per produrre conoscenza. Però senza conoscenza non si sviluppano idee e soluzioni innovative per affrontare le sfide del mondo attuale."
Ferdinando Rossi

Partendo da questo principio Luca Bonfantiospite alle 21:00 del Caffè Scientifico in radio in diretta streaming su www.110.radio.it, risponderà a queste e altre domande [ ascolta l'intervista ]

_ Perché l'importanza di questo tipo di ricerca fondamentale è così "invisibile"?

_ Quale approccio adottare per contrastare l'immaginario collettivo che pensa la ricerca fondamentale come un gioco intellettuale inutile e dispersivo di risorse, soprattutto in un momento di crisi?

_ C'è una responsabilità dei ricercatori nell'invisibilità di questa ricerca?

_ Quali fattori mettere in campo per favorire una cultura della ricerca fondamentale come motore di competitività e di sviluppo dei territori?

_ Chi deve finanziare la ricerca fondamentale?

_ Cosa fa l'Università di Torino per risolvere questo problema?

bonfanti

Ricerca

Lesioni traumatiche: una review per chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA

Chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA può permettere di modularli a fini terapeutici, ad esempio per stimolare la ricrescita assonale o per modulare la neuroinfiammazione nelle lesioni traumatiche. La review - a firma di Matilde Ghibaudi, Marina Boido e del nostro direttore Alessandro Vercelli - è scaricabile gratuitamente fino a dicembre.

6 novembre 2017