5.12 - F. Cauda, Ospedale Koelliker - Università di Torino

Condividi su
Data dell'evento: 05/12/2014
seminars_2014

Venerdì 5 dicembre - ore 14:00
Aula seminari, NICO

Resting state functional connectivity: una finestra sul funzionamento a riposo del cervello 
Franco Cauda
CCS fMRI, Ospedale Koelliker e Dipartimento di Psicologia – Università di Torino

La connettività funzionale in REST - o Resting state functional connectivity - è  un metodo di imaging cerebrale funzionale che può essere utilizzato per valutare le interazioni cerebrali regionali che si verificano quando un soggetto è “a riposo” ovvero non sta eseguendo un compito esplicito. 

franco_cauda

L’attività cerebrale a riposo si osserva attraverso cambiamenti nel flusso di sangue nel cervello che possono essere misurati mediante la risonanza magnetica (fMRI).

L’attività cerebrale è presente anche in assenza di un compito specifico, le fluttuazioni apparentemente casuali di tale attività permettono, mediante opportune analisi statistiche di esplorare i pattern di connettività funzionale del cervello in vivo.

Tale approccio è utile sia per esplorare l'organizzazione funzionale del cervello sano che per indagare eventuali alterazioni causate da patologie neurologiche e psichiatriche.

Ospite: Alessandro Vercelli

download pdf

Agenda

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Incoraggiare i giovani ricercatori dei laboratori in tutta Italia a incontrarsi, connettersi, collaborare e condividere uno spazio dove possano scambiare conoscenze e idee, stabilendo così collaborazioni tra gruppi. Torna per il secondo anno, con lo stesso l'obiettivo, l'appuntamento con Brainstorming Research Assembly for Young Neuroscientists - che ha ottenuto tra gli altri il patrocinio del NICO.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019