28.11 - C. Rolando, University of Basel

Condividi su
Data dell'evento: 28/11/2014
seminars_2014

Venerdì 28 novembre - ore 11:00
Aula seminari, NICO

Non canonical Drosha pathway regulates hippocampal neural stem cell differentiation
Chiara Rolando
Embryology and Stem Cell Biology, Department of Biomedicine - University of Basel

Self-renewing and multipotent neural stem cells (NSCs) reside in the dentate gyrus of the adult mammalian hippocampus. The Microprocessor, a multimeric complex of the ribonuclease Drosha and the RNA binding protein DGCR8, drives miRNA biogenesis.

The Microprocessor also has miRNA-independent functions, directly targeting and cleaving stem-loop hairpin structures of mRNAs and destabilizing the transcripts. We found that RNAse III Drosha regulates NSC maintenance and inhibits oligodendrocyte fate commitments in adult NSCs.

Drosha-CLIP (cross-linking and immunoprecipitation) experiment shows that Drosha binds the mRNAs of critical oligodendrocyte and gliogenic transcription factors. Taken together our findings reveal a new miRNA-independent action of the Microprocessor in the maintenance of adult NSCs and control of oligodendrocyte differentiation.

Ospite: Annalisa Buffo

download pdf

Agenda

26 luglio 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019