Sintetizzato un farmaco che può limitare i danni neuronali in seguito a ischemia

Condividi su
15/10/2015
Sintetizzato un farmaco che può limitare i danni neuronali in seguito a ischemia

Pubblicati su Cell Death and Disease i risultati di una ricerca su modelli animali condotta da T. Borsello dell'IRCCS Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri in collaborazione con A. Vercelli del NICO

Sintetizzato un farmaco che può limitare i danni neuronali in seguito a ischemia

Il cervello, come ogni altro organo del corpo umano, ha bisogno di nutrimento e ossigeno per funzionare. Tali sostanze vengono trasportate attraverso i vasi sanguigni e, quando il flusso sanguigno diretto al cervello è bloccato, si verifica un'ischemia cerebrale. Questa genera la progressiva morte dei neuroni. La proteina denominata MKK7 ha un ruolo importante nel determinare la morte dei neuroni a seguito di un attacco ischemico cerebrale.

Il gruppo di ricercatori diretti da Tiziana Borsello dell'IRCCS Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri/Dipartimento di Farmacologia e Scienze biomediche dell'Università degli Studi di Milano, in collaborazione con il team di ricerca guidato dal nostro direttore Alessandro Vercelli, ha sintetizzato un inibitore specifico, denominato GADD45Beta, della proteina MKK7. Grazie a GADD45Beta, il cui effetto protettivo funziona anche sei ore dopo l'infarto cerebrale, il danno può essere ridotto del 50%.

"Attualmente non ci sono trattamenti farmacologici approvati per il trattamento dell'ictus ad eccezione dell'Attivatore tissutale del plasminogeno (rT-PA) che ha caratteristiche che ne limitano l'efficacia, quindi il nuovo composto rappresenta una buon risultato ed è importante sottolineare che anche 6 ore dopo l'infarto protegge sempre il danno al 50%" – commenta Tiziana Borsello, Responsabile del Laboratorio di Morte Neuronale e Neuroprotezione dell'IRCCS Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri.

"Con le dovute verifiche, passando per la sperimentazione clinica – conclude Alessandro Vercelliquesta potrebbe rappresentare una prospettiva nuova, in grado di ridurre significativamente i volumi d'infarto cerebrale e di conseguenza anche i deficit, con maggiori possibilità di recupero".

carta_identità_ictus

Cell Death and Disease (2015)

Exploring the role of MKK7 in excitotoxicity and cerebral ischemia: a novel pharmacological strategy against brain injury.

A Vercelli, S Biggi, A Sclip, I E Repetto, S Cimini, F Falleroni, S Tomasi, R Monti, N Tonna, F Morelli, V Grande, M Stravalaci, E Biasini, O Marin, F Bianco, D di Marino and T Borsello

Agenda

16 febbraio 2018

NICO Progress Report

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

Ricerca

Neuroni "immaturi": ecco la riserva che può prevenire l'invecchiamento cerebrale

Il nostro gruppo di ricerca guidato da Luca Bonfanti ha individuato una riserva di neuroni “immaturi” in zone inedite del cervello: si aprono nuovi scenari per compensare la scarsa capacità del cervello di rigenerarsi. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Neuroscience di dicembre.

10 gennaio 2018