Scoperto un nuovo ruolo del ferro nella regolazione dell’ansia

Condividi su
22/08/2016
Scoperto un nuovo ruolo del ferro nella regolazione dell’ansia

Scientific Reports, agosto 2016

Scoperto un nuovo ruolo del ferro nella regolazione dell’ansia

Pellegrino RM1,2, Boda E3,4, Montarolo F4, Boero M1,2, Mezzanotte M1,2, Saglio G1,2, Buffo A3,4, Roetto A1,2

Svelato un ruolo non noto del ferro e del suo trasportatore Tfr2 nella regolazione del comportamento ansioso e dell’attività dei circuiti nervosi che lo governano.
Lo studio - pubblicato su Scientific Reports (rivista del gruppo Nature) - porta la firma delle nostre ricercatrici Enrica Boda, Francesca Montarolo ed Annalisa Buffo insieme alle colleghe Rosamaria Pellegrino e Antonella Roetto del Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche dell’Università di Torino - AOU San Luigi Gonzaga.

Le ricercatrici hanno scoperto che il recettore Tfr2 è espresso da specifiche popolazioni di neuroni e che in sua assenza la quantità di ferro presente nel tessuto nervoso tende ad aumentare.

Questo aumento è associato a una intensa attivazione di neuroni nell’ippocampo e nella corteccia prefrontale, e in particolare all’incremento dell’ansia in modelli animali. Lo studio offre una nuova prospettiva sul ruolo del ferro - finora misterioso e legato alle malattie neurodegenerative - nella regolazione delle funzioni fisiologiche cerebrali e indica un nuovo protagonista nella regolazione dell’omeostasi del ferro nel tessuto nervoso. 

pannello per comunicato stampa_Tfr2
Espressione degli immediate early genes cFos e Zif (in verde) in popolazioni neuronali coinvolte nella regolazione del comportamento ansioso in topi normali e Tfr2-KO (delezione del recettore Tfr2). L'espressione di questi geni è associata all'aumento dell'attività dei neuroni. I topi Tfr2-KO presentano un'aumentata espressione di cFos e Zif in specifiche aree dell'ippocampo (B,G,J) in confronto a topi normali (WT; A,F,I). Questo aumento sembra dipendere da un accumulo di ferro dovuto alla mancanza di Tfr2. Infatti, quando alimentati con una dieta povera di ferro (IDD), l'espressione di cFos e Zif nei topi Tfr2-KO torna a livelli paragonabili a quelli dei topi normali (C,H,K).

Sci Rep. 2016 Aug

Transferrin Receptor 2 Dependent Alterations of Brain Iron Metabolism Affect Anxiety Circuits in the Mouse.

Pellegrino RM1,2, Boda E3,4, Montarolo F4, Boero M1,2, Mezzanotte M1,2, Saglio G1,2, Buffo A3,4, Roetto A1,2

1Department of Clinical and Biological Sciences, University of Torino, Turin, Italy.
2AOU San Luigi Regione Gonzole 10043 Orbassano Turin, Italy.
3Department of Neuroscience Rita Levi-Montalcini, University of Torino, Turin, Italy.
4Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi Regione Gonzole 10043 Orbassano Turin, Italy.

Agenda

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Incoraggiare i giovani ricercatori dei laboratori in tutta Italia a incontrarsi, connettersi, collaborare e condividere uno spazio dove possano scambiare conoscenze e idee, stabilendo così collaborazioni tra gruppi. Torna per il secondo anno, con lo stesso l'obiettivo, l'appuntamento con Brainstorming Research Assembly for Young Neuroscientists - che ha ottenuto tra gli altri il patrocinio del NICO.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019