Neuroscience, G. Panzica

Condividi su
04/12/2014
Neuroscience, G. Panzica

Neuroscience, dicembre 2014

Testosterone ed estradiolo influenzano in modo differente la neurogenesi nella zona sottoventricolare di maschi adulti castrati e femmine di ratto

Alice Farinettia, d, Simone Tomasia, d, Benedetta Foglioa, d, Alessia Ferrarisa, d, Giovanna Pontic, d,  Stefano Gottia, d, Paolo Perettob, d, Giancarlo Panzicaa, d

Numerosi fattori regolano la neurogenesi nei roditori adulti. In questo studio abbiamo testato le potenzialità degli steroidi sessuali ed i loro effetti in entrambi i sessi di ratti. La rimozione delle gonadi ha un effetto diverso nei due sessi, infatti nei maschi determina una diminuzione significativa della neurogenesi a livello della zona sottoventricolare (SVZ), mentre ciò non accade nelle femmine.

I maschi castrati sono stati poi sottoposti ad una terapia con testosterone (T), estradiolo (E2) o di-idrotestosterone (DHT). E2 e DHT sono i principali metaboliti del T. Nei maschi si è osservato un significativo effetto del T e del E2, mentre nessun effetto è stato registrato con la somministrazione di DHT. Nella femmina E2 non ha nessun effetto.

Nell'immagine a destra: Cellule tipo C neogenerate (precursori dei neuroni, evidenziati con il marker Mash1) nel SVZ di maschi di ratto adulti (SHAM). La castrazione (CX) ha determinato un decremento significativo di queste cellule, mentre l'esposizione al testosterone (CX+T) ha riportato il numero ai valori degli intatti.

Mash2_panzica

Questi risultati dimostrano quindi che la proliferazione di precursori delle cellule nervose a livello della regione SVZ è regolata, in maniera dimorfica dal T e dal suo metabolita aromatico E2.Gli ormoni gonadici, ed in particolare T ed E2, giocano quindi un ruolo fondamentale nella regolazione della neurogenesi del sistema olfattivo nell’adulto di ratto. Futuri studi dovranno scoprire se questa azione è diretta oppure mediata, per via transinaptica, da altri gruppi di neuroni sensibili agli estrogeni ed i meccanismi cellulari che stanno alla base di questo dimorfismo.
[ScienceDirect]

Graphical abstract

Graphical_abstract_panzica_dic2014
a Department of Neuroscience, University of Turin, 10126, Turin, Italy
b Department of Life Sciences and Systems Biology, University of Turin, 10123 Turin, Italy
c Department of Veterinary Sciences, University of Turin,10095, Grugliasco, Italy
d NICO - Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi, 10143 Orbassano, Italy

Ricerca

Lesioni traumatiche: una review per chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA

Chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA può permettere di modularli a fini terapeutici, ad esempio per stimolare la ricrescita assonale o per modulare la neuroinfiammazione nelle lesioni traumatiche. La review - a firma di Matilde Ghibaudi, Marina Boido e del nostro direttore Alessandro Vercelli - è scaricabile gratuitamente fino a dicembre.

6 novembre 2017