Neonatologia. A Venezia il congresso delle Società europee

Condividi su
02/11/2017
Zika Cells

Nel luglio 2016 l’OMS ha dichiarato una emergenza globale dopo aver riconosciuto l’associazione tra la diffusione dell’infezione da parte del virus ZIKA (nelle immagini in alto e qui sotto alcune cellule del virus) e il drammatico aumento dei casi di microcefalia neonatale grave. Da allora, sebbene l’incidenza di nuovi casi sia fortemente diminuita, il ruolo causale del virus ZIKA nella microcefalia è stato provato da molti studi.

Il prof. Ferdinando Di Cunto - che qui al NICO guida il team di Neurogenesi embrionale - studia da anni le mutazioni genetiche che provocano la microcefalia, ed è stato invitato a parlarne al 2° jENS, Congress of join European Neonatal Societies, in programma a Venezia dal 31 ottobre al 4 novembre 2017.

Di Cunto esporrà una sintesi dei dati più recenti riguardo alle malformazioni cerebrali prodotte dal virus, ai meccanismi responsabili di tali effetti patogeni e alle loro relazioni con i meccanismi della microcefalia genetica.  

leggi anche:

ZIKA_cells_DI CUNTO

LaStampa.it 8/11/2016
Microcefalie e Zika: scoperto un comune denominatore
Esiste una somiglianza tra i meccanismi molecolari con cui il Virus e alcune mutazioni genetiche provocano la microcefalia

marzo 2017 - Convention Telethon di Riva del Garda
Microcefalie e Atassie: i risultati delle nostre ricerche presentati alla Convention Telethon

Agenda

12 gennaio 2018

NICO Progress Report

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

Ricerca

Neuroni "immaturi": ecco la riserva che può prevenire l'invecchiamento cerebrale

Il nostro gruppo di ricerca guidato da Luca Bonfanti ha individuato una riserva di neuroni “immaturi” in zone inedite del cervello: si aprono nuovi scenari per compensare la scarsa capacità del cervello di rigenerarsi. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Neuroscience di dicembre.

10 gennaio 2018