Frontiers in Neuroscience, E.Cattaneo e L.Bonfanti

Condividi su
16/04/2014
Frontiers in Neuroscience, E.Cattaneo e L.Bonfanti

Frontiers in NEUROSCIENCE, aprile 2014

Potenziale terapeutico delle cellule staminali: maggiore nella percezione delle persone che nel loro cervello?

Elena Cattaneo1 and Luca Bonfanti2,3

L'articolo rivolge una critica a tutti coloro (anche agli scienziati) che in un modo o nell'altro lasciano credere che la 'traslazione' dei risultati della ricerca di base verso approcci terapeutici possa essere molto più vicina di quanto non sia in realtà.

A partire dalle dichiarazioni degli scienziati (e anche da come essi stessi scrivono gli articoli scientifici) si innesca una catena di informazioni, spesso distorte, in cui troppe categorie di persone non addette ai lavori enfatizzano eccessivamente i risultati della ricerca, in buona fede o meno (ad esempio sotto la pressione di interessi economici).

Il risultato è che nella ricerca di semplicità a tutti i costi si perde la percezione della complessità della scienza e della ricerca, e così dei suoi limiti. Ciò può portare a tristi conseguenze e vane illusioni per i pazienti e anche ad una sfiducia diffusa, seppur ingiustificata, nei confronti dei ricercatori.
Leggi l'articolo (disponibile solo inglese)

Department of BioSciences, Center for Stem Cell Research, University of Milan, Milano, Italy
Department of Veterinary Sciences, University of Turin, Torino, Italy
Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi, University of Turin, Orbassano, Italy

Ricerca

Lesioni traumatiche: una review per chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA

Chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA può permettere di modularli a fini terapeutici, ad esempio per stimolare la ricrescita assonale o per modulare la neuroinfiammazione nelle lesioni traumatiche. La review - a firma di Matilde Ghibaudi, Marina Boido e del nostro direttore Alessandro Vercelli - è scaricabile gratuitamente fino a dicembre.

6 novembre 2017