19.12 - F. Gardoni, Università di Milano

Condividi su
Data dell'evento: 19/12/2014
milano_torino_2

Venerdì 19 dicembre - ore 14:00
Aula seminari, NICO

GluN2A-containing NMDA receptors as synaptic trait of levodopa-induced dyskinesias: from experimental models to patients
Fabrizio Gardoni
Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari, Università di Milano

Levodopa (L-DOPA)-induced dyskinesias (LIDs) are a major complication in the pharmacological management of Parkinson's Disease (PD). Abnormal glutamatergic transmission in striatum is considered a key factor in the development of LIDs.

gardoni

Here we show that an altered ratio of synaptic GluN2A/GluN2B-containing NMDA receptors (NMDARs) in striatum represents a common trait in L-DOPA-treated dyskinetic animals (6-OHDA rats and MPTP monkeys) and in post-mortem tissue from dyskinetic PD patients. The modulation of synaptic NMDAR composition by cell-permeable peptides interfering with GluN2A subunit clustering at postsynaptic sites leads to a reduction in the dyskinetic motor behavior in the two animal models of LIDs.

Our results indicate that targeting synaptic NMDAR subunit composition may represent an intriguing therapeutic approach aimed at ameliorating L-DOPA motor side effects.

Host: Alessandro Vercelli

download pdf

Agenda

26 luglio 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019