Il 30 settembre torna la Notte dei Ricercatori

Condividi su
21/08/2016
Il 30 settembre torna la Notte dei Ricercatori

Torna per l'unidicesimo anno la Notte Europea dei Ricercatori. Il 30 settembre 2016 oltre 200 città europee vivranno in contemporanea la notte di festa dedicata alla ricerca e ai suoi protagonisti.

logo_newNOTTE RICERCATORI 2016

Avvicinare il grande pubblico al mondo della ricerca e in particolare alla figura del ricercatore, dimostrando che “il ricercatore è una persona normale che fa cose eccezionali”. Con questo obiettivo nasce e cresce ogni anno la Notte dei Ricercatori, contribuendo a diffondere la consapevolezza di quanto la ricerca scientifica sia fondamentale per lo sviluppo culturale, sociale ed economico della società.

Come ogni anno ci saremo anche noi del NICO, vi aspettiamo in Piazza Castello a Torino!

Scopri il programma completo della Notte dei Ricercatori in Piemonte e Valle d'Aosta

notte2016_web1

La Notte dei Ricercatori è un’iniziativa promossa e co-finanziata dalla Commissione Europea, all’interno del Programma Quadro europeo per la Ricerca e l’Innovazione HORIZON 2020.

In Piemonte la Notte rientra nel progetto biennale CLoSER – Cementing Links between Science&society toward Engagement and Responsibility.

CLoSER è organizzato da Università degli Studi di Torino, Politecnico di Torino, Università del Piemonte Orientale, Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, Associazione CentroScienza Onlus e Creativa-impresa di comunicazione. Il progetto è coordinato da Agorà Scienza e si svolge nell’ambito del Sistema Scienza Piemonte.

Agenda

25 novembre 2021

Sportello LESIONI SPINALI

Mandateci le vostre domande

Premesso che al NICO ci occupiamo di ricerca di base (e non abbiamo quindi pazienti in cura), crediamo sia compito di noi ricercatori dare risposte chiare e soprattutto scientificamente corrette a chi incorre in notizie parzialmente false, scorrette o addirittura in vere e proprie bufale.
Il caso Stamina ci ha insegnato a essere vigili: un piccolo soffio di vento, se “seminato” in un terreno fertile, può infatti scatenare una pericolosa tempesta.

Da qui la volontà di creare questo sportello, uno spazio dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi. Un progetto nato in sinergia con il Coordinamento Para-Tetraplegici del Piemonte, con cui siamo in contatto da molto tempo, e con il Prof. Diego Garbossa, Primario di Neurochirurgia di Città della Salute e della Scienza di Torino, con cui abbiamo creato un team che riunisce ricerca base e neurochirurgia.

Inviate le vostre domande e le leggete alcune delle nostre risposte

31 agosto 2020