Quanto siamo ancora plastici alla nostra età?

Condividi su
29/03/2017
Abitare il cervello
La Settimana del Cervello continua
30 e 31 marzo 2017
Campus Luigi Enaudi
Lungo Dora Siena 100 A - Torino

ABITARE IL CERVELLO

Il cervello è la nostra dimora più importante: capire come funziona ci aiuta a prendercene cura.
In una casa si studia, si impara, si ricevono persone amiche a volte solo di passaggio, in casa ci si muove, si dorme e si sogna, si cucina e tanto altro. Come ogni buon padrone di casa dobbiamo conoscere i nostri ospiti, accudirli, farli STARE BENE; come ogni casa anche il cervello può essere "progettato" nell'utilizzo degli spazi e nelle funzioni. Oggi sappiamo, grazie alle ricerche degli ultimi decenni, che il cervello è plastico e può migliorare per tutta la vita.

Il Comitato IF presenta due giorni di incontri dedicati alle neuroscienze, viste nella loro capacità di coniugare, più di altre discipline, il pensiero scientifico e il pensiero umanistico, il pensare e il fare, l'emotivo e il cognitivo, il benessere e la malattia/salute.
In collaborazione con Università di Torino, Fondazione Carlo Molo onlus, Associazione Sistema Multiproposta e Associazione CentroScienza onlus.

giovedì 30 marzo - ore 14:30 in aula A2
“Quanto siamo ancora plastici alla nostra età?”

Intervento di Luca Bonfanti
Professore associato di Anatomia, Università di Torino e NICO (Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi).

L'aspettativa di vita dell'individuo si allunga progressivamente, ma quanto i nostri neuroni riescono a seguirci in questo percorso? Come l'ambiente e gli stili di vita possono modificare la struttura del nostro cervello? Oggi sappiamo che le nostre esperienze giovanili, lo stress, l'attività fisica possono cambiare l'organizzazione dei circuiti cerebrali e preparare, nel bene e nel male, il futuro del nostro cervello. L’intervento è mirato a introdurre in modo generale le tematiche legate a sviluppo, evoluzione e plasticità del cervello.

Ingresso libero fino a esaurimento posti

> scopri il programma completo

Agenda

13 maggio 2022

RICERCA

Esposizione cronica al bisfenolo A in gravidanza: come le plastiche possono alterare encefalo e comportamento sociale

L’esposizione cronica per un periodo che copre gravidanza e allattamento, a una dose di BPA pari a quella indicata come dose tollerabile giornaliera (TDI) dall’EFSA (European Food Safety Authority) causa nelle femmine di topo alterazioni sia a livello comportamentale che encefalico.
I risultati dello studio realizzato dai nostri ricercatori del gruppo di Neuroendocrinologia e pubblicati sull’European Journal of Histochemistry suggeriscono quanto sia urgente adottare misure più stringenti nell'utilizzo di BPA, a tutela della salute di tutti.  

12 gennaio 2022