Quanto vale il tuo 5xmille?

Condividi su

Il tuo 5xmille è una percentuale dell'IRPEF, calcolata sulla base del reddito lordo. Nella dichiarazione dei redditi vanno poi conteggiate eventuali deduzioni, detrazioni, ecc.

A titolo esemplificativo, puoi considerare che un reddito lordo annuo di 30.000 euro darà un importo del 5xmille di circa 35 - 40 euro (la media nazionale è di 25-30 euro).
Con un reddito di 40.000 euro il 5xmille sarà di circa 55-60 euro, e così via.

Ti sembra poco?

Per noi non lo è. Con il tuo 5xmille puoi pagare 1 ora di lavoro di un giovane ricercatore.
Una goccia che insieme alle altre può diventare uno stipendio mensile o una borsa di ricerca.

ritaglio 5xmille 2015 - sito

La ricerca di base sulle malattie neurodegenerative procede lentamente, e spesso dà i suoi frutti dopo anni di lavoro. Per questo ha bisogno di investimenti e fiducia.

Adotta uno dei nostri ricercatori, sostieni il loro lavoro con il tuo 5xmille.
Noi ci mettiamo impegno e passione, tu mettici la firma!

Firma nel riquadro "Finanziamento della ricerca scientifica e dell'Università"
Indica il CF della Fondazione Cavalieri Ottolenghi: 97564560015

vai a gruppi di ricerca
Scopri chi sono e su che cosa lavorano i nostri 9 gruppi di ricerca oppure scorri le ultime news: troverai una selezione delle nostre oltre 50 pubblicazioni scientifiche all'anno.

Agenda

25 novembre 2021

Sportello LESIONI SPINALI

Mandateci le vostre domande

Premesso che al NICO ci occupiamo di ricerca di base (e non abbiamo quindi pazienti in cura), crediamo sia compito di noi ricercatori dare risposte chiare e soprattutto scientificamente corrette a chi incorre in notizie parzialmente false, scorrette o addirittura in vere e proprie bufale.
Il caso Stamina ci ha insegnato a essere vigili: un piccolo soffio di vento, se “seminato” in un terreno fertile, può infatti scatenare una pericolosa tempesta.

Da qui la volontà di creare questo sportello, uno spazio dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi. Un progetto nato in sinergia con il Coordinamento Para-Tetraplegici del Piemonte, con cui siamo in contatto da molto tempo, e con il Prof. Diego Garbossa, Primario di Neurochirurgia di Città della Salute e della Scienza di Torino, con cui abbiamo creato un team che riunisce ricerca base e neurochirurgia.

Inviate le vostre domande e le leggete alcune delle nostre risposte

31 agosto 2020