La plasticità cerebrale: dalle cellule staminali alla vita di tutti i giorni

Condividi su
09/03/2017
La plasticità cerebrale: dalle cellule staminali alla vita di tutti i giorni
Seralmente
venerdì 10 marzo - ore 21:00
Aula Magna di Agraria e Medicina Veterinaria dell'Università degli Studi di Torino
Largo Paolo Braccini 2 (già Via Leonardo da Vinci 44) - Grugliasco (TO)

in collaborazione con il Comune di Grugliasco

La plasticità cerebrale: dalle cellule staminali alla vita di tutti i giorni

con Luca Bonfanti e Paolo Peretto del gruppo di Neurogenesi adulta del NICO - Università di Torino

Ognuno di noi nasce con 100 miliardi di neuroni collegati tra loro da migliaia di miliardi di connessioni: questo ci permette di pensare, muoverci, ricordare, amare, odiare, contrattare i prezzi al mercato e preparare conferenze.
Numero, tipo, sede di ogni neurone all'interno della complessità del cervello sono in gran parte determinati dalla genetica. Ma come può "la genetica" prevedere tutto ciò che succederà nel mondo che ci circonda? Se il mondo cambia - e tutti sappiamo che questo accade continuamente - come potremo adattarci alle nuove situazioni?

È possibile cambiare la struttura dei contatti tra i neuroni o il loro numero nell'arco della nostra vita?
Possiamo sostituirli quando vengono danneggiati o addirittura persi, come nell'Alzheimer, nel Parkinson o nell'ictus?
È vero che il nostro cervello contiene cellule staminali attive anche negli individui anziani?
E soprattutto, come sarà il nostro cervello all'età di 90 anni?

Sono solo alcune delle domande che negli ultimi decenni hanno appassionato neuroscienziati, affascinato cittadini curiosi di scienza, e dato speranza a pazienti con malattie neurologiche.
Interpretando i ruoli dello scienziato ottimista e di quello pessimista, i nostri Luca Bonfanti e Paolo Peretto cercheranno di dare alcune risposte raccontando la storia, lo stato attuale e il futuro delle ricerche sulla plasticità cerebrale.

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili
consigliata la prenotazione: seralmente@gmail.com

www.seralmente.com

Agenda

13 maggio 2022

RICERCA

Esposizione cronica al bisfenolo A in gravidanza: come le plastiche possono alterare encefalo e comportamento sociale

L’esposizione cronica per un periodo che copre gravidanza e allattamento, a una dose di BPA pari a quella indicata come dose tollerabile giornaliera (TDI) dall’EFSA (European Food Safety Authority) causa nelle femmine di topo alterazioni sia a livello comportamentale che encefalico.
I risultati dello studio realizzato dai nostri ricercatori del gruppo di Neuroendocrinologia e pubblicati sull’European Journal of Histochemistry suggeriscono quanto sia urgente adottare misure più stringenti nell'utilizzo di BPA, a tutela della salute di tutti.  

12 gennaio 2022