Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria e il per NICO

Condividi su
03/05/2020
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria e il per NICO

Ultimo aggiornamento: 3 maggio

Come da indicazioni del Rettore dell'Università di Torino, anche il NICO si adegua alla gestione della fase 2 che - a partire dal 4 maggio - prevede un primo allentamento delle misure restrittive di contenimento.

Come principio generale, ci si potrà recare in istituto per attività di laboratorio, ma l'ingresso e la frequenza dei singoli laboratori verranno contingentati per mantenere il distanziamento sociale. 

Il rientro lavorativo non è obbligatorio, e dietro opportuna richiesta è possibile continuare a lavorare in smart working.

Queste regole sono valide per: personale strutturato, assegnisti di ricerca, contrattisti, borsisti e dottorandi. 

Al momento, come indicato da UNITO, gli studenti frequentatori e i tesisti non vengono ancora riammessi.

Altri aggiornamenti saranno forniti costantemente.

Si consiglia di consultare anche questa pagina del sito web Unito.it, costantemente aggiornata:

Coronavirus: disposizioni per studia e lavora

 

 

Agenda

14 gennaio 2022
06 aprile 2022

94° Congresso SIBS - Società Italiana di Biologia Sperimentale Torino, 6 - 9 aprile 2022

Ambiente e salute, oncologia, invecchiamento sano e attivo. Ma anche Antropologia, Biologia degli ambienti acquatici e Intelligenza artificiale. Sono solo alcuni dei temi protagonisti del 94° Congresso SIBS - Società Italiana di Biologia Sperimentale - ospitato a Torino dal 6 al 9 aprile 2022 e organizzato da Marina Boido e Corrado Calì, NICO e Dipartimento di Neuroscienze dell'Università di Torino.

Sportello LESIONI SPINALI

Mandateci le vostre domande

Premesso che al NICO ci occupiamo di ricerca di base (e non abbiamo quindi pazienti in cura), crediamo sia compito di noi ricercatori dare risposte chiare e soprattutto scientificamente corrette a chi incorre in notizie parzialmente false, scorrette o addirittura in vere e proprie bufale.
Il caso Stamina ci ha insegnato a essere vigili: un piccolo soffio di vento, se “seminato” in un terreno fertile, può infatti scatenare una pericolosa tempesta.

Da qui la volontà di creare questo sportello, uno spazio dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi. Un progetto nato in sinergia con il Coordinamento Para-Tetraplegici del Piemonte, con cui siamo in contatto da molto tempo, e con il Prof. Diego Garbossa, Primario di Neurochirurgia di Città della Salute e della Scienza di Torino, con cui abbiamo creato un team che riunisce ricerca base e neurochirurgia.

Inviate le vostre domande e le leggete alcune delle nostre risposte

31 agosto 2020