App e Robot per combattere l’invecchiamento

Condividi su
02/10/2019
App e Robot per combattere l’invecchiamento
UomoVirtuale_mail

Mostra Uomo Virtuale. Corpo, Mente, Cyborg
giovedì 3 ottobre 2019 - ore 18:00
Mastio della Cittadella - Via Cernaia 1, Torino

App e Robot per combattere l’invecchiamento
Alessandro Vercelli, professore di Anatomia umana del Dip. di Neuroscienze Rita Levi-Montalcini dell’Università di Torino
Direttore del NICO

È una delle problematiche più urgenti del XXI secolo, uno dei temi strategici su cui l’Unione europea investe e investirà nei prossimi decenni ingenti risorse. È l’invecchiamento, che si traduce in fragilità fisica, cognitiva, psicologica e sociale. La diagnosi precoce permette di ridurne gli effetti negativi, con notevoli risparmi sui costi sanitari:  l’UE stima che i servizi di teleassistenza possano ridurre di 12,5 milioni i giorni di ricovero ospedaliero e di oltre 40 Mln quelli di lungo-degenza.

MY-AHA_imm2

Nasce con queste premesse il progetto My-AHA - My Active and Healthy Ageing (il mio invecchiamento in attività e buona salute) che - grazie al finanziamento UE Horizon 2020 - sperimenta una piattaforma ICT in grado di rilevare precocemente il rischio di fragilità, tramite App e sensori - da indossare e non - e dati disponibili nell'ambiente di vita quotidiana (misure vitali, andatura e postura, qualità del sonno, umore, ecc.). Quando viene rilevato il rischio, my-AHA fornisce interventi mirati, anche questi basati sulle ICT, che motivino gli utenti a partecipare all’esercizio fisico e cognitivo, con giochi stimolanti e uso delle reti social, e programmi nutrizionali ad hoc: il fine è cambiare il comportamento a lungo termine, migliorando la qualità della vita nell’invecchiamento.

IMG-20190920-WA0004

Un obiettivo irrinunciabile, se si guarda - sempre per l’UE - all’aumento dell’aspettativa di vita e alle stime per il 2060, quando 1 europeo ogni 3 avrà più di 65 anni e per 2 persone attive ci sarà una persona anziana (ora la proporzione è 4:1). Con l’aumento vertiginoso dei costi di assistenza sarà sempre più difficile garantire una buona qualità di vita e le cure per tutti: da qui la necessità di reinventare i nostri sistemi di cura. La teleassistenza, i dispositivi medici collegati a sensori e non ultimi i robot sono i protagonisti di questa lenta rivoluzione. Ma con quali rischi etici e sociali? Ne parla Alessandro Vercelli (docente di Anatomia del Dip. di Neuroscienze UNITO – direttore del Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi di Orbassano) ospite della mostra Uomo Virtuale. Corpo, Mente, Cyborg (aperta fino al 13 ottobre al Mastio della Cittadella di Torino).  

Agenda

23 giugno 2022

guarda il video

UniStem Day 2022 - Sogni e Incertezza... è la scienza, bellezza!

Dopo due edizioni online è tornato UniStem Day in presenza!
Venerdì 11 marzo l'infinito viaggio della ricerca ha fatto di nuovo tappa a Torino: ad accoglierlo 200 studenti delle scuole superiori del Piemonte nella bellissima cornice dell'Aula Magna della Cavallerizza Reale dell'Università di Torino. Erano invece oltre 300 gli studenti collegati online per la diretta streaming su UnitoMedia.

Hai perso la diretta? Ecco il video della registrazione.

11 febbraio 2022