Settimana del cervello 2014

Condividi su
09/03/2014
Settimana del cervello 2014

La rassegna torinese si svolge nell'ambito di un progetto internazionale della DANA Foundation che nelle stesse date vede svolgersi  in tutto il mondo iniziative simili.

Quattro incontri per nutrire i nostri pensieri e riflettere sul cibo e su come questo rappresenti un segno culturale, oltre che essere fonte di piacere. Il cibo infatti è sapore, creatività, scienza e relazioni sociali.

Lunedi 10 marzo ore 21.00 - Sala Grande
Aldo Fasolo, Dipartimento Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi dell’Università di Torino
Davide Scabin, Chef multistellato del ristorante Combal.zero di Rivoli
NEUROGASTRONOMIA
Il dialogo fra un neurobiologo e un grande chef

Mercoledì 12 marzo ore 18.00 - Sala Grande
Federico Amianto, Dipartimento di Neuroscienze Rita Levi Montalcini dell’Università di Torino
FANTASMI DEL CIBO
Come e perché la mente crea le distorsioni dei disturbi del comportamento alimentare

Giovedì 13 marzo ore 18 - Sala Grande 
Andrea Pezzana, Direttore della Struttura di Nutrizione Clinica dell’Ospedale S. Giovanni Bosco di Torino
Riccardo Torta, Dipartimento di Neuroscienze Rita Levi Montalcini dell’Università di Torino
PSICOLOGIA DEL TIRAMISÙ
Dall’alimentazione alla cura della depressione

Venerdì 14 marzo ore 18 - Sala Gioco 
Federico Balzola, Città della Salute e della Scienza di Torino
DALLA PANCIA ALLA TESTA
Batteri intestinali, cibo e cervello

Scarica la brochure oppure scopri di più su www.centroscienza.it

La Settimana del Cervello 2014 a Torino è promossa da CentroScienza Onlus

in collaborazione con. NIT Centro Interdipartimentale in Neuroscienze dell'Università di Torino, Dottorato in Neuroscienze dell'Università di Torino e Circolo dei Lettori della Regione Piemonte.

Con il sostegno della Compagnia di San Paolo e il contributo della Regione Piemonte.

settinacervello2014_banner

Agenda

03 dicembre 2021

Sportello LESIONI SPINALI

Mandateci le vostre domande

Premesso che al NICO ci occupiamo di ricerca di base (e non abbiamo quindi pazienti in cura), crediamo sia compito di noi ricercatori dare risposte chiare e soprattutto scientificamente corrette a chi incorre in notizie parzialmente false, scorrette o addirittura in vere e proprie bufale.
Il caso Stamina ci ha insegnato a essere vigili: un piccolo soffio di vento, se “seminato” in un terreno fertile, può infatti scatenare una pericolosa tempesta.

Da qui la volontà di creare questo sportello, uno spazio dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi. Un progetto nato in sinergia con il Coordinamento Para-Tetraplegici del Piemonte, con cui siamo in contatto da molto tempo, e con il Prof. Diego Garbossa, Primario di Neurochirurgia di Città della Salute e della Scienza di Torino, con cui abbiamo creato un team che riunisce ricerca base e neurochirurgia.

Inviate le vostre domande e le leggete alcune delle nostre risposte

31 agosto 2020