Press review

Share on

Filtra per anno:

24 june 2019 - ANSA

Sanità: leucodistrofia, nuovo approccio Università Torino

Pdf

24 june 2019 - QuotidianoPiemontese.it

Nuovo approccio terapeutico per la leucodistrofia in una ricerca dell’Università di Torino pubblicata sulla rivista Brain

24 june 2019 - TorinOggi.it

Interferenza a RNA: da Torino nuovo approccio terapeutico per la leucodistrofia

Lo studio guidato dal professor Alfredo Brusco fornisce una prova dell’efficacia del “silenziamento allele-specifico”, ponendolo come possibile terapia in tutte le malattie causate da duplicazione di gene

24 june 2019 - InSaluteNews.it

Malattie genetiche neurodegenerative, l’iRNA può spegnere selettivamente il gene ‘in eccesso’

Nuovo approccio terapeutico per la leucodistrofia, rara malattia neurodegenerativa. Lo studio, guidato dal prof. Alfredo Brusco dell’Università di Torino, fornisce una prova dell’efficacia del “silenziamento allele-specifico”, ponendolo come possibile terapia in tutte le malattie causate da duplicazione di gene. Studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Brain

24 june 2019 - UnitoNews.it

Interferenza a RNA: un nuovo approccio terapeutico per la leucodistrofia, rara malattia neurodegenerativa

Lo studio guidato dal Prof. Alfredo Brusco dell'Università di Torino fornisce una prova dell'efficacia del "silenziamento allele-specifico", ponendolo come possibile terapia in tutte le malattie causate da duplicazione di genere.

24 june 2019 - SaluteH24.com

LEUCODISTROFIA E INTERFERENZA A RNA: UN NUOVO APPROCCIO TERAPEUTICO

24 june 2019 - SaluteDomani.com

LEUCODISTROFIA E INTERFERENZA A RNA: UN NUOVO APPROCCIO TERAPEUTICO

17 june 2019 - VanityFair.it

E se un giorno si potesse cancellare la paura dalla memoria?

Uno studio pubblicato su «Neuron» apre la strada all'individuazione di strategie innovative per sconfiggere l’ansia patologica

17 june 2019 - Corriere.it - Torino

La ricercatrice che studia i neuroni si finanzia raccogliendo i soldi su Facebook

Chiara La Rosa: «Abbiamo racimolato 11 mila euro che mi permetteranno di lavorare fino a ottobre. Dopodiché, se non arriveranno nuovi finanziamenti, andrò all’estero. Dopo tutti i sacrifici fatti, voglio che la mia professionalità sia riconosciuta».

11 june 2019 - Obiettivo Salute - Radio24

Cervello e paura

Esiste nel cervello un interruttore molecolare che permette di controllare la paura: sono i neuroni che controllano il cosiddetto ormone dell'amore, l'ossitocina. Pubblicata sulla rivista Neuron, la scoperta è il risultato di uno studio realizzato da un team di ricerca europeo. A Obiettivo salute  Ilaria Bertocchi dell'Istituto Nico, (Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi) dell'Università di Torino, che ha collaborato alla ricerca.

9 june 2019 - ANSA Scienza

La paura si può controllare 'a comando'

L'interruttore nei neuroni che controllano l'ormone dell'amore

9 june 2019 - Repubblica.it

Ricerca: scoperte nell'ipotalamo le tracce della memoria

E' opinione corrente che queste tracce di memoria si formino e si preservino in nuclei cerebrali superiori, mentre oggi prende forma l'ipotesi che nella formazione della memoria siano coinvolte anche strutture "antiche" e altamente conservate nell'evoluzione del cervello

9 june 2019 - Repubblica.it - Torino

Neuroscienze: a Torino una scoperta rivoluzionaria sui meccanismi della paura

La ricerca in collaborazione con scienziati di tutto il mondo: i ricordi più terribili nell'ipotalamo

9 june 2019 - IlMessaggero.it

La paura si può controllare a comando: scoperto un interruttore nel cervello che la "spegne"

9 june 2019 - QuotidianoPiemontese.it

Ricercatrice di Torino nel team che ha scoperto tracce di memoria nell’ipotalamo

Events & Meetings

14 february 2020

NICO Progress Report

Our young researchers present their work to collegues. From January to December, every two weeks, on friday at 2:00 pm
Seminars Room, NICO

27 february 2020

GLIAL CELLS-NEURON CROSSTALK IN CNS HEALTH AND DISEASE

University of Turin, Italy   
The Workshop is aimed at PhD students and young Postdocs with the goal to promote a thorough understanding of the functions of glial cells in health and disease. The program includes lectures on the newest conceptual advancements and methodological approaches in the study of glial cells in synaptic functions, development and CNS diseases.