Bianca Slivinschi di Alba campionessa nazionale delle Olimpiadi delle Neuroscienze 2017

Condividi su
06/05/2017
Bianca Slivinschi di Alba campionessa nazionale delle Olimpiadi delle Neuroscienze 2017

Finale nazionale delle Olimpiadi delle Neuroscienze 2017  
Piemonte al primo posto con una studentessa di Alba
La campionessa nazionale Bianca Slivinschi del Liceo Govone di Alba vola a Washington per la finale internazionale del 3 agosto

Le Olimpiadi hanno coinvolto 217 scuole e 5400 studenti in tutta Italia. Il Piemonte con oltre 600 studenti di 31 scuole in gara è la regione con più adesioni

Piemonte ancora campione d’Italia in Neuroscienze, dopo le vittorie del 2014 e 2015. Bianca Slivinschi, studentessa al V anno del Liceo classico Govone di Alba (CN), ha vinto la finale nazionale delle Olimpiadi delle Neuroscienze che si è svolta a Catania il 6 maggio, conquistando un posto per volare a Washington e partecipare alla finale mondiale di inizio agosto.

Olimpiadi_Nazionali_2017_La_vincitrice

Le Olimpiadi delle Neuroscienze - promosse dalla Società Italiana di Neuroscienze (SINS) e organizzate per il primo anno dal CNR di Catania con l’adesione oltre 5 mila studenti in 217 scuole - sonole fasi locali e nazionali della International Brain Bee, la competizione che mette alla prova oltre 30 mila studenti in 30 nazioni sul grado di conoscenza nel campo delle neuroscienze.

Il Piemonte, per la terza volta sul gradino più alto del podio dopo il 2014 e 2015 (con gli studenti di Novara), con oltre 600 studenti di 31 scuole superiori in gara è la regione con più adesioni. La competizione piemontese è organizzata da Marina Boido, ricercatrice del NICO e Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Torino.

Gli studenti si sono cimentati con cruciverba a gruppi, domande a scelta multipla e infine a risposta diretta, ovviamente su temi di neuroscienze come memoria, emozioni, stress, invecchiamento e le malattie del sistema nervoso. L’obiettivo è accrescere fra gli studenti l’interesse per lo studio del cervello, ma anche attrarre giovani talenti alla ricerca nei settori delle Neuroscienze sperimentali e cliniche, che rappresentano la grande sfida del nostro millennio.

Ricerca

Lesioni traumatiche: una review per chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA

Chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA può permettere di modularli a fini terapeutici, ad esempio per stimolare la ricrescita assonale o per modulare la neuroinfiammazione nelle lesioni traumatiche. La review - a firma di Matilde Ghibaudi, Marina Boido e del nostro direttore Alessandro Vercelli - è scaricabile gratuitamente fino a dicembre.

6 novembre 2017