Kisspeptina: l'anello di congiunzione tra riproduzione e metabolismo

Condividi su
29/04/2017
kisspetina

Journal of Anatomy, marzo 2017

Kisspeptina: anello di congiunzione tra riproduzione e metabolismo

Marraudino M1,2, Miceli D1,2, Farinetti A1,2, Ponti G3,2, Panzica G1,2, Gotti S1,2

Il ruolo essenziale della Kisspetina (Kiss) nella regolazione della pubertà è un dato ben consolidato dalla letteratura scientifica. La Kiss è infatti un potente regolatore della produzione del GnRH, principale peptide che stimola la secrezione dell’ormone luteinizzante (LH) e dell’ormone follicolo-stimolante (FSH). Nell’encefalo il sistema Kisspeptina è presente all’interno dell’ipotalamo, la più importante area di interconnessione fra il sistema nervoso e il sistema endocrino, da cui partono gli impulsi e gli stimoli ormonali che governano l’intero sistema endocrino.

Le cellule Kiss sono presenti in due diversi nuclei ipotalamici (AVPV e ARC), mentre le fibre si proiettano ad altri nuclei; il più ricco è il Nucleo Paraventricolare (PVN) che è anche la sede nevralgica del controllo metabolico. Il nostro lavoro ha ben evidenziato come il sistema Kisspeptina risulti essere dimorfico in tutti i nuclei ipotalamici e anche nel PVN. Le femmine hanno infatti una quantità di Kiss nettamente maggiore rispetto ai maschi, a conferma di come l’encefalo dei maschi e delle femmine può differire.

Inoltre, abbiamo dimostrato che nelle femmine le fibre Kiss sono sotto controllo ormonale: seguono infatti la ciclicità del ciclo estrale, con una densità maggiore durante la fase di Estro. Questo significa che a un picco ormonale corrisponde un aumento del controllo della Kisspeptina sugli altri sistemi presenti nel PVN. Da un’approfondita analisi del PVN, abbiamo visto che all’interno del nucleo le fibre kisspeptina si distribuiscono in maniera eterogenea, concentrandosi in una specifica zona, chiamata ‘parvocellulare’, sede delle cellule TRH e CRH, due sistemi fortemente coinvolti nel controllo metabolico.

Sembra pertanto che tramite la Kisspeptina ci sia una sorta di interconnessione tra il controllo riproduttivo e quello metabolico. Per mezzo di tecniche d’immunofluorescenza abbiamo dimostrato che gran parte delle fibre Kiss che innervano il PVN arriva dal nucleo AVPV, ma anche che vi è una coesistenza nel PVN tra le fibre Kiss e il sistema TH e Ossitocina, ma non con i sistemi nNOS  e Vasopressina.
Il nostro studio, quindi, non solo ha evidenziato l’importante innervazione del PVN da parte del sistema Kisspeptina, ma presuppone che la Kiss sia interconnessa con il controllo metabolico e altri sistemi che regolano fondamentali funzioni vitali per l’organismo.

1 Department of Neuroscience, Laboratory of Neuroendocrinology, University of Torino, Torino, Italy
2 Neuroscience Institute Cavalieri-Ottolenghi (NICO), Orbassano, Italy
3 Department of Veterinary Sciences, University of Torino, Grugliasco, Italy
fig1
Fig 1 - Studio quantitativo del sistema kisspeptina nei nuclei ipotalamici.L’istogramma rappresenta l’Area frazionaria ricoperta dalla reattività della Kisspeptina (media SEM) nei diversi nuclei ipotalamici: nucleo arcuato (ARC), nucleo antero ventrale periventricolare (AVPV), nucleo periventricolare (PeN) e nucleo paraventricolare (PVN) di topi CD1 maschi (colonne nere) e femmine (colonne bianche). I maschi mostrano una più bassa immunoreattività delle femmine. **P < 0.01, ***P < 0.001 (P < 0.05; t-Student test). Scale bar: 100µm
fig2
Fig 2 - Sezioni coronali di femmine adulte di topo CD1 in estro rappresentano la relazione tra Kisspeptina (Kiss; rosso) e diverse popolazioni cellulari del nucleo paraventricolare (verde): (A) Vasopressina (AVP); (B) ossido nitrico sintasi neuronale (nNOS); (C) Ossitocina (OT); (D) Tirosina idrossilasi (TH). L’AVP e gran parte delle cellule nNOS sono distribuite nella parte più laterale del PVN, dove la concentrazione delle fibre Kisspeptina risulta essere minore; mentre nella parte mediale vi è un cospicuo numero di cellule OT e TH, oltre che una forte innervazione delle Kiss. Scale bar: 50µm

Agenda

27 febbraio 2020

GLIAL CELLS-NEURON CROSSTALK IN CNS HEALTH AND DISEASE

University of Turin, Italy  
The Workshop is aimed at PhD students and young Postdocs with the goal to promote a thorough understanding of the functions of glial cells in health and disease. The program includes lectures on the newest conceptual advancements and methodological approaches in the study of glial cells in synaptic functions, development and CNS diseases.

Deadline for registration: December 23, 2019.

29 novembre 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

15 novembre 2019

XXIX CONVEGNO GISN - Bari 2019

Il 16 e 17 novembre è in programma all'Università di Bari ‘Aldo Moro’ il 29° Convegno nazionale della G.I.S.N., l'associazione scientifica rivolta agli studiosi della morfologia del sistema nervoso.

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Incoraggiare i giovani ricercatori dei laboratori in tutta Italia a incontrarsi, connettersi, collaborare e condividere uno spazio dove possano scambiare conoscenze e idee, stabilendo così collaborazioni tra gruppi. Torna per il secondo anno, con lo stesso l'obiettivo, l'appuntamento con Brainstorming Research Assembly for Young Neuroscientists - che ha ottenuto tra gli altri il patrocinio del NICO.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019