Individuate nel cervelletto cellule staminali attive dopo la nascita

Condividi su
13/05/2015
Individuate nel cervelletto cellule staminali attive dopo la nascita

Lo studio di Elena Parmigiani, pubblicato sul Journal of Neuroscience, apre nuove prospettive per "riparare" il cervello che invecchia o si ammala

Individuate nel cervelletto cellule staminali attive dopo la nascita

Il suo nome - "piccolo cervello" dal latino "cerebellum" - potrebbe trarre in inganno: il cervelletto ospita infatti la popolazione neuronale più abbondante del sistema nervoso e tipi cellulari estremamente eterogenei.
Il suo sviluppo (peculiare rispetto al resto del cervello perché avviene prevalentemente dopo la nascita e non durante la fase embrionale) è stato finora poco studiato e molti aspetti rimangono da chiarire. Tra questi, la localizzazione e il comportamento di cellule staminali attive dopo la nascita: 'progenitori' che producono sia neuroni sia cellule gliali.

Il gruppo di ricerca del NICO guidato da Annalisa Buffo e composto da Elena Parmigiani, Ketty Leto e Chiara Rolando - ha chiarito questi aspetti, mostrando per la prima volta sia l'esistenza e la precisa localizzazione nel tessuto di queste cellule bipotenti, sia come si moltiplicano fino al loro esaurimento.

Tramite complesse analisi clonali - svolte in collaborazione con il Cajal Institute, Spanish National Research Council di Madrid - le ricercatrici del NICO hanno 'seguito' le cellule figlie di un unico progenitore, scoprendo che cellule simil-staminali proliferanti presenti nella sostanza bianca del cervelletto sono bipotenti, in grado cioè di generare astrociti (glia) e neuroni.

I risultati dello studio – pubblicati sul prestigioso Journal of Neuroscience – confermano quindi la presenza nel cervelletto di progenitori di cellule molto simili alle staminali neurali, ma che a differenza di queste non si auto-mantengono, esaurendosi dopo un paio di settimane dalla nascita.
È probabile tuttavia che alcuni di questi progenitori rimangano come elementi silenti anche nell'adulto, ed è possibile ipotizzare di "riattivarli" in seguito a un danno, generando nuovi neuroni nel cervelletto che invecchia o si ammala.

> comunicato stampa

parmigiani_JS_maggio_2015

The Journal of Neuroscience, 13 May 2015

Heterogeneity and Bipotency of Astroglial-Like Cerebellar Progenitors along the Interneuron and Glial Lineages
Elena Parmigiani1,2, Ketty Leto1,2, Chiara Rolando1,2, María Figueres-Oñate3, Laura López-Mascaraque3, Annalisa Buffo1,2, and Ferdinando Rossi1,2

1Department of Neuroscience Rita Levi-Montalcini and Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi, University of Turin, I-10126 Turin, Italy,
2Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi, I-10043 Orbassano, Turin, Italy, and 3Department of Molecular, Cellular
3Developmental Neurobiology, Cajal Institute, Spanish National Research Council, E-28002 Madrid, Spain

Agenda

12 gennaio 2018

NICO Progress Report

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

Ricerca

Neuroni "immaturi": ecco la riserva che può prevenire l'invecchiamento cerebrale

Il nostro gruppo di ricerca guidato da Luca Bonfanti ha individuato una riserva di neuroni “immaturi” in zone inedite del cervello: si aprono nuovi scenari per compensare la scarsa capacità del cervello di rigenerarsi. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Neuroscience di dicembre.

10 gennaio 2018