Sclerosi Multipla: al CRESM del San Luigi incontri tra medici e pazienti

Condividi su
12/12/2017
Gruppo Bertolotto NICO

SCLEROSI MULTIPLA
Al CRESM del San Luigi incontri tra medici e pazienti

Divulgare informazioni sui progressi della ricerca - svolta presso i nostri laboratori, dal gruppo di Neurobiologia clinica - e sulle iniziative del Centro, ma anche avere una percezione diretta degli umori e delle necessità delle persone che frequentano il CRESM, così da poter migliorare la qualità dei servizi offerti.
Sono questi gli obiettivi del ciclo di incontri con pazienti e familiari organizzati dal dott. Antonio Bertolotto, Direttore S.C.D.O. Neurologia – CRESM dell’AOU San Luigi di Orbassano.

Di volta in volta verranno affrontati argomenti scientifici, come “I nuovi farmaci per la Sclerosi Multipla”, o temi che trovino riscontro nella quotidianità degli assistiti del Centro, come “il rinnovo della patente”.

AOU San Luigi di Orbassano
aula Pescetti (piano terra) - Ospedale San Luigi
Per partecipare occorre prenotarsi inviando una mail a info.cresm@sanluigi.piemonte.it oppure lasciare un messaggio alla segreteria telefonica al numero 011 9026397

prossimo incontro:

martedì 12 dicembre 2017 - dalle 17:30 alle 19:30

Il dott. Bertolotto risponderà alle domande su terapie, cause, novità e curiosità sulla Sclerosi Multipla, aggiornando i partecipanti sulle novità presentate al Congresso mondiale sulla SM tenutosi a Parigi dal 25 al 28 ottobre 2017.

Calendario:

19/10 - Terapie e farmaci
- terapie
- novità presentate al 48° Convegno della Società Italiana di Neurologia SIN (Napoli, 14-17 ottobre 2017)

14/9 - Aggiornamenti
- nuovi farmaci
- terapie alternative
- dieta mima-digiuno

4/5 - Terapie e farmaci
- in base a quali criteri il neurologo vi propone uno dei 15 farmaci per la Sclerosi Multipla?
- Terapie “non convenzionali”

30/3 - I servizi e i progetti del CRESM
Argomento del giorno: la dieta mima-digiuno
Le terapie alternative

S.C.D.O. Neurologia & CRESM
(Centro di Riferimento Regionale Sclerosi Multipla) dell’A.O.U. San Luigi Gonzaga di Orbassano (TO)

Direttore: dott. Antonio Bertolotto
Pazienti in carico: 2200 circa

Equipe medico-infermieristica dedicata: diagnosi,terapie,prelievi, monitoraggio farmaci, visite di controllo e d’urgenza

Day Hospital, Ambulatori, Day Service e Reparto

Dal 2001 Trapianto di cellule emolinfopoietiche in pazienti con SM recidivante-remittente molto aggressiva
Nuova tecnica di esecuzione della puntura lombare che riduce la cefaleapost-rachicentesi

Supporto psicologico con specialisti dedicati (incontri per neo-diagnosticati e per genitori di pazienti affetti da SM)
Esecuzione di test psico-cognitivi

Segreteria: servizio di informazione/prenotazioni, monitoraggio esami, organizzazione eventi, data management dei trials clinici

Partecipazione a studi clinici nazionali ed internazionali volti a raccogliere dati sulla sicurezza esull’efficacia di nuovi farmaci

La Ricerca scientifica

Ricerca scientifica di tipo traslazionale, incentrata sulla SM: studio dei meccanismi d’azione dell’Interferone beta e del Glatiramer acetato, identificazione e definizione del ruolo di anti-infiammatori; meccanismo biologico protettivo della gravidanza, miglioramento della diagnostica bio-molecolare della SM, metodiche neurofisiologiche, sperimentazione di nuovi farmaci.

Laboratorio di Neurobiologia Clinica: esame del liquor, anticorpi anti-IFNbeta e anti-Tysabri per identificare i pazienti non-responders biologici all’IFN ed al Natalizumab, anticorpi anti-rituximab, valutazione attività biologica dell’IFNbeta, anticorpi antiAQP4, anticorpi anti-MOG.

Laboratorio di Neurofisiologia Clinica sperimentale

Banca Biologica: attività diraccolta, sieratura e conservazione (tramite congelamento a -80 °C) di campioni biologici, nonché catalogazione informatica dei dati clinici ad essi correlati.  I campioni raccolti sono utilizzati per ricerca scientifica.

Laboratori e Banca Biologica sono ubicati qui al NICO 

Ricerca

Lesioni traumatiche: una review per chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA

Chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA può permettere di modularli a fini terapeutici, ad esempio per stimolare la ricrescita assonale o per modulare la neuroinfiammazione nelle lesioni traumatiche. La review - a firma di Matilde Ghibaudi, Marina Boido e del nostro direttore Alessandro Vercelli - è scaricabile gratuitamente fino a dicembre.

6 novembre 2017