Italia Unita per la Scienza

Condividi su
20/05/2014
Italia Unita per la Scienza

Far sorgere nei cittadini uno spirito critico, grazie al quale poter riconoscere notizie vere e "bufale", specie per i temi scientifici più delicati. Con questo spirito è nata Italia Unita per la Scienza, l'iniziativa che vuole far fronte al problema della disinformazione scientifica.

Avere gli strumenti per usare la razionalità, senza farsi abbagliare dall'emotività di ogni questione, è il modo più efficace di difendersi da truffe e imbrogli. Avere spirito critico non significa non considerare gli aspetti umani ed etici delle questioni, ma permette di compiere scelte oculate su temi fondamentali per il futuro del Paese che riguardano ricerca e scienza, e dunque anche salute, alimentazione e ambiente.

Noi del NICO quest'anno partecipiamo con il nostro direttore, il prof. Alessandro Vercelli, che farà chiarezza sul caso Stamina.

Ecco il programma di Torino:

Martedì 20 Maggio 2014 - h 21.00
Aula A del Dipartimento di Anatomia
Corso Massimo D'Azeglio 52 (T0)
Media e salute: storia di Stamina e altre bufale

Intervengono:
prof. Alessandro Vercelli, direttore del NICO, perito presso il Tribunale di Brescia in merito al caso Stamina

dott. Fabio Turone, giornalista scientifico e presidente di Science Writers in Italy

La conferenza fa anche parte del ciclo di eventi organizzati per l'iniziativa "Medicina a Porte Aperte".

italiaunitaxlascienza

Mercoledì 21 Maggio 2014 - h 21.00
Aula A del Dipartimento di Anatomia
Corso Massimo D'Azeglio 52 (T0)
OGM: tra diritto e bugie

Intervengono:

dott.ssa Maria Pia Genesin, docente di Diritto degli Alimenti, Università di Torino
dott. Dario Bressanini, divulgatore scientifico e curatore del blog Scienza in Cucina su Le Scienze

Modera: dott.ssa Beatrice Mautino

Scarica il programma di Torino 

Scopri il programma in tutta Italia su www.italiaxlascienza.it

Ricerca

Lesioni traumatiche: una review per chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA

Chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA può permettere di modularli a fini terapeutici, ad esempio per stimolare la ricrescita assonale o per modulare la neuroinfiammazione nelle lesioni traumatiche. La review - a firma di Matilde Ghibaudi, Marina Boido e del nostro direttore Alessandro Vercelli - è scaricabile gratuitamente fino a dicembre.

6 novembre 2017