PorteAperte@NICO sabato 18 novembre

Condividi su
18/11/2017
PorteAperte@NICO sabato 18 novembre

sabato 18 novembre 2017

PorteAperte@NICO: CAPIRE IL CERVELLO PER CURARLO

Invito a scoprire le Neuroscienze: che cosa si studia nei laboratori dove nasce la ricerca di base contro le malattie neurodegenerative.
sold-out_1

Le prenotazioni sono momentaneamente sospese.
Se siete interessati potete compilare comunque il form di prenotazione, vi contatteremo in caso si liberino dei posti.
Grazie!

Per riparare il cervello bisogna conoscerlo: studiarne quindi struttura e funzioni normali per capire come si ammala e come curarlo. È l’obiettivo del nostro Istituto, centro di ricerca dell’Università di Torino che trae la sua forza dall’unione della ricerca di base con quella di tipo applicativo e clinico.

La complessità degli studi sul cervello richiede un approccio multidisciplinare. Per questo al NICO uniamo le esperienze complementari di 20 docenti universitari e 50 giovani ricercatori: un mix efficace di entusiasmo giovanile ed esperienza. La strada per trovare una terapia per le malattie del sistema nervoso parte dalla ricerca di base: vieni a scoprirla, i nostri ricercatori ti aspettano.

porteaperte_Nov2017_pag

Il percorso di visita, della durata massima di circa 3 ore, è suddiviso in tre parti:

1 - Presentazione dell’Istituto (durata 30 minuti)
A cura del prof. Luca Bonfanti

2 - Le nostre linee di ricerca in 3 stand tematici

Capire il cervello dal suo sviluppo
La formazione del cervello nel bene e nel male [ Sindrome di Down > scopri di più || Microcefalia, Zika e tumori cerebrali > scopri di più ]
Ormoni e cervello [ Come gli ormoni steroidei influenzano i circuiti nervosi > scopri di più ]
Cure materne e comportamento [ Geni, ambiente e plasticità cerebrale > scopri di più ]

Quando il cervello non funziona
Malattie neurodegenerative [ Lesioni e danni al sistema nervoso centrale > scopri di più ]
Sclerosi multipla [ Diagnosi e ricerca > scopri di più ]
Nervi a pezzi [ La rigenerazione dei nervi periferici > scopri di più ]
L'invecchiamento non è una malattia, ma... [ scopri i nostri progetti ]

Il sogno di rifarsi un cervello
Cellule staminali cerebrali [ Cell Replacement e altre strategie di riparazione > scopri di più || Neurogenesi adulta > scopri di più]
Modificazioni dei circuiti cerebrali [ Come gli stimoli esterni plasmano il cervello > scopri di più ]
Evoluzione: il cervello in animali e uomo

TAMPIA SORRISI

3 - Visita dei laboratori di ricerca
I nostri ricercatori illustrano i diversi approcci sperimentali. In particolare: il cervello visto al microscopio, anzi al confocale, ovvero la ricerca di base in diretta.

Nel laboratorio di Neurofisiologia si potrà scoprire invece come comunicano i neuroni.
Il funzionamento del cervello è basato su segnali elettrici generati e trasmessi dalle cellule nervose ad altre cellule: il loro studio permette di scoprire i deficit funzionali prima che le cellule muoiano. Nelle malattie psichiatriche non c'è morte cellulare: in questo caso è una disfunzione dei segnali elettrici a causare il disturbo.

Quando: sabato 18 novembre
9:30 - 13:00 e 14:30 -18

Prenotazione obbligatoria
È richiesta la prenotazione e la massima puntualità per garantire a tutti gli iscritti la possibilità di seguire le presentazioni e la visita guidata dei laboratori.

Durata complessiva del percorso 3 ore
Prenota la tua visita, scegliendo tra mattino o pomeriggio:

MATTINO - due gruppi da 30 persone
1° gruppo - inizio ore 9:30
2° gruppo - inizio ore 10:15

POMERIGGIO - due gruppi da 30 persone
1° gruppo - inizio ore 14:30
2° gruppo - inizio ore 15:15

Dove:

NICO - Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi
Azienda Ospedaliero-Universitaria San Luigi Gonzaga
Regione Gonzole, 10 - Orbassano (TO)
> scarica la cartina con le indicazioni per raggiungerci

Contatti per informazioni:
Barbara Magnani, referente comunicazione NICO
cell. 339 3096245
e-mail: barbara.magnani@unito.it

Ricerca

Lesioni traumatiche: una review per chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA

Chiarire la complessità delle funzioni dei miRNA può permettere di modularli a fini terapeutici, ad esempio per stimolare la ricrescita assonale o per modulare la neuroinfiammazione nelle lesioni traumatiche. La review - a firma di Matilde Ghibaudi, Marina Boido e del nostro direttore Alessandro Vercelli - è scaricabile gratuitamente fino a dicembre.

6 novembre 2017