I ricercatori del NICO in piazza

Condividi su
28/09/2012
I ricercatori del NICO in piazza

La Notte dei Ricercatori è un'iniziativa promossa dalla Commissione Europea a partire dal 2005 e che coinvolge ogni anno migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca in tutti i paesi europei. L'obiettivo è creare occasioni d'incontro tra ricercatori e cittadini per diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca in un contesto informale e stimolante.

Gli eventi comprendono esperimenti e dimostrazioni scientifiche dal vivo, mostre e visite guidate, conferenze e seminari divulgativi, spettacoli e concerti.

L'Italia ha aderito da subito all'iniziativa europea con una molteplicità di progetti che ne fanno tradizionalmente uno dei paesi europei con il maggior numero di eventi sparsi sul territorio.

L'edizione 2012 ha coinvolto in Italia un totale di 24 città.

nottericercatori_2012_banner

La "Notte" in Piemonte

Dalla prima edizione nel 2006, le città coinvolte sono passate da 3 a 8, le attività proposte da 36 a oltre 100, i ricercatori da 90 a più di 500, il pubblico da alcune migliaia a circa 20000 persone. Numeri che dimostrano il successo dell'evento, ma soprattutto la crescente domanda di momenti di incontro e scambio tra scienza e società.

Per maggiori informazioni sull'edizione regionale: www.nottedeiricercatori.it

Comunicato stampa ed. 2012

Agenda

17 aprile 2019

From split-brains to emotional consciousness - A tribute to Joseph LeDoux

Wednesday 17th April 2019 – h 9.30
Accademia delle Scienze di Torino, Sala dei Mappamondi
Via Accademia delle Scienze 6, Torino

26 aprile 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

Ricerca

Atassia: scoperto il difetto cellulare responsabile di una rara malattia neurologica

Un malfunzionamento dei mitocondri, le centrali energetiche delle cellule, causa lo sviluppo della SCA28, una forma ereditaria di atassia. Dopo 10 anni di studi e grazie al sostegno di Fondazione Telethon, la scoperta del team di ricerca guidato dai proff. Alfredo Brusco e Filippo Tempia dell’Università di Torino e NICO. Lo studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Neurobiology of Disease.

4 dicembre 2018