V. Magnaghi, Università di Milano

Condividi su
Data dell'evento: 10/07/2015
milano_torino_2

Venerdì 10 luglio 2015 - h 14:00
Aula Seminari, NICO

Glio-trasmettitori nel sistema nervoso periferico
Valerio Magnaghi
Dipartimento di Farmacologia e Scienze Biomolecolari, Università di Milano

La presentazione del Dr. Magnaghi illustrerà i dati più recenti sul ruolo biologico dei neurotrasmettitori classici a livello del sistema nervoso periferico, con particolare attenzione al conivolgimento della componente gliale e della regolazione neurone-glia.

La attività di ricerca del dr. Magnaghi è nell'ambito delle neuroscienze, neuroendocrinologia e neurofisiologia.
Ha iniziato i suoi studi occupandosi del ruolo degli neurosteroidi sul sistema nervoso centrale, con particolare interesse per la cross-regolazione fra neuroni e cellule gliali. Successivamente, ha indirizzato i suoi interessi al ruolo degli neurosteroidi nel sistema nervoso periferico, studiando gli effetti neuroprotettivi in diversi modelli di neuropatie periferiche (ad es. trauma meccanico, neuropatia diabetica, patologie demielinizzanti ereditarie, ecc.).

Poiché il meccanismo d'azione di alcuni neurosteroidi è di tipo non genomico e coinvolge l'azione dei neurotrasmettitori, nel corso degli ultimi sette anni il dr. Magnaghi ha volto i suoi studi alla caratterizzazione del sistema GABAergico a livello del sistema nervoso periferico.

Le attuali linee di ricerca del dr. Magnaghi sono:
1) Interazioni neuroni-glia: studio di neurotrasmettitori e neurosteroidi nel sistema nervoso periferico.
2) Regolazione delle proteine mieliniche del sistema nervoso centrale e periferico
3) Identificazione di nuovi approcci terapeutici con biomateriali, stem cells e in situ drug delivery per il trattamento delle neuropatie periferiche e del dolore.

Ospite: Annalisa Buffo

download pdf

Agenda

16 febbraio 2018

NICO Progress Report

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

Ricerca

Neuroni "immaturi": ecco la riserva che può prevenire l'invecchiamento cerebrale

Il nostro gruppo di ricerca guidato da Luca Bonfanti ha individuato una riserva di neuroni “immaturi” in zone inedite del cervello: si aprono nuovi scenari per compensare la scarsa capacità del cervello di rigenerarsi. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Neuroscience di dicembre.

10 gennaio 2018