R. Molteni, Università di Milano

Condividi su
Data dell'evento: 20/03/2015
milano_torino_2

Venerdì 20 marzo - ore 14.00
Aula Seminari, NICO

Infiammazione e vulnerabilità alla depressione: effetto del trattamento farmacologico sulla risposta infiammatoria
Raffaella Molteni
Dipartimento di Farmacologia e Scienze Biomolecolari, Università di Milano

La depressione è una tra le più gravi e diffuse malattie psichiatriche di cui l'eziologia non è ancora del tutto chiarita. Uno dei maggiori problemi associati a questa malattia è l'alta percentuale di soggetti depressi che non risponde al trattamento farmacologico.

E' quindi fondamentale individuare nuovi bersagli molecolari sui quali poter agire con più efficaci strategie terapeutiche.

raffaella_molteni

In questo ambito si collocano gli studi della Dott. Molteni.
Specificamente, poiché negli ultimi anni numerose evidenze indicano l'esistenza di una associazione tra depressione ed infiammazione, il suo interesse è quello di capire se e come i farmaci antidepressivi possono agire sul sistema infiammatorio e durante il seminario ci descriverà i risultati che ha ottenuto utilizzando diversi modelli sperimentali.

Ospite: Alessandro Vercelli

scarica il pdf

Agenda

06 novembre 2018

ZEISS Academy Workshop – Microscopia Correlativa 3D

Le ultime novità nella Microscopia Correlativa Multi-modale. Registrazione obbligatoria.

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Identificato un nuovo bersaglio per contrastare la SMA

L’inibizione della proteina JNK rallenta la progressione della malattia che colpisce i motoneuroni ed è la prima causa genetica di morte nell’infanzia. Lo dimostra uno studio pubblicato su Frontiers in Molecular Neuroscience dal nostro gruppo di ricerca guidato da Alessandro Vercelli, in collaborazione con l’Istituto Mario Negri di Milano. Chiarire i meccanismi molecolari alla base della SMA può aprire la strada allo sviluppo di nuove terapie.

24 ottobre 2018