R. Molteni, Università di Milano

Condividi su
Data dell'evento: 20/03/2015
milano_torino_2

Venerdì 20 marzo - ore 14.00
Aula Seminari, NICO

Infiammazione e vulnerabilità alla depressione: effetto del trattamento farmacologico sulla risposta infiammatoria
Raffaella Molteni
Dipartimento di Farmacologia e Scienze Biomolecolari, Università di Milano

La depressione è una tra le più gravi e diffuse malattie psichiatriche di cui l'eziologia non è ancora del tutto chiarita. Uno dei maggiori problemi associati a questa malattia è l'alta percentuale di soggetti depressi che non risponde al trattamento farmacologico.

E' quindi fondamentale individuare nuovi bersagli molecolari sui quali poter agire con più efficaci strategie terapeutiche.

raffaella_molteni

In questo ambito si collocano gli studi della Dott. Molteni.
Specificamente, poiché negli ultimi anni numerose evidenze indicano l'esistenza di una associazione tra depressione ed infiammazione, il suo interesse è quello di capire se e come i farmaci antidepressivi possono agire sul sistema infiammatorio e durante il seminario ci descriverà i risultati che ha ottenuto utilizzando diversi modelli sperimentali.

Ospite: Alessandro Vercelli

scarica il pdf

Agenda

26 luglio 2019

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum 2019

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

14 novembre 2019

BraYn 2019 - dal 14 al 16 novembre a Milano

Fino al 31 luglio è possibile sottomettere gli abstract per la seconda conferenza annuale dei giovani neuroscienziati, in programma a Milano dal 14 al 16 novembre 2019.

Sportello LESIONI SPINALI

Paziente tetraplegico operato al CTO di Torino torna a usare le mani

Una notizia che abbiamo letto tutti di recente sui giornali. Noi del NICO abbiamo la fortuna di collaborare da anni con il dott. Bruno Battiston e il prof. Diego Garbossa - i chirurghi che hanno svolto l'operazione - e ci siamo fatti spiegare bene in cosa consiste l’intervento, quale era la situazione del paziente e quali saranno i possibili risultati. 
Tutto questo al di là delle semplificazioni e dei titoli roboanti dei giornali, comprensibilmente utilizzati per attirare l’attenzione dei lettori.

11 giugno 2019