R. Molteni, Università di Milano

Condividi su
Data dell'evento: 20/03/2015
milano_torino_2

Venerdì 20 marzo - ore 14.00
Aula Seminari, NICO

Infiammazione e vulnerabilità alla depressione: effetto del trattamento farmacologico sulla risposta infiammatoria
Raffaella Molteni
Dipartimento di Farmacologia e Scienze Biomolecolari, Università di Milano

La depressione è una tra le più gravi e diffuse malattie psichiatriche di cui l'eziologia non è ancora del tutto chiarita. Uno dei maggiori problemi associati a questa malattia è l'alta percentuale di soggetti depressi che non risponde al trattamento farmacologico.

E' quindi fondamentale individuare nuovi bersagli molecolari sui quali poter agire con più efficaci strategie terapeutiche.

raffaella_molteni

In questo ambito si collocano gli studi della Dott. Molteni.
Specificamente, poiché negli ultimi anni numerose evidenze indicano l'esistenza di una associazione tra depressione ed infiammazione, il suo interesse è quello di capire se e come i farmaci antidepressivi possono agire sul sistema infiammatorio e durante il seminario ci descriverà i risultati che ha ottenuto utilizzando diversi modelli sperimentali.

Ospite: Alessandro Vercelli

scarica il pdf

Agenda

20 luglio 2018

NICO Progress Report - INN Open Neuroscience Forum

I nostri giovani ricercatori aggiornano i colleghi sulle loro ricerche. Appuntamento ogni due venerdì.

16 febbraio 2019

Torino - 10th International Meeting STEROIDS and NERVOUS SYSTEM

Since 2001, this meeting represented an important event for basic and clinical researchers working on this emerging scientific topic. We will address state-of-the-art approaches in the field of steroids and nervous system, including behavior, epigenetics, genomic and non-genomic actions, the vitamin D, neurodegenerative and psychiatric disorders, and the interference among endocrine disruptors and steroid signaling.

Ricerca

Neurone o astrocita? Scoperto il gene che guida le staminali adulte nella scelta del loro destino.

Il gene COUP-TFI controlla che le staminali producano la giusta quantità di nuovi neuroni o astrociti. Un eccesso dei secondi è la conseguenza di processi infiammatori associati a patologie tra cui l’Alzheimer. La scoperta del team guidato da Silvia De Marchis, del nostro gruppo di Neurogenesi adulta.

13 luglio 2018